Giovanni Tebaldini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Tebaldini

Giovanni Tebaldini (Brescia, 7 settembre 1864San Benedetto del Tronto, 11 maggio 1952) è stato un organista, compositore, musicologo e direttore d'orchestra italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi dedicato alla musica profana e teatrale, incoraggiato da Guerrino Amelli, iniziò ad impegnarsi nella musica sacra, diventando uno dei maggiori esponenti del Movimento Ceciliano.[1]

Studiò al Conservatorio di Milano (1883-1886), alunno di Amilcare Ponchielli; fu organista presso la cattedrale di Piazza Armerina (1887), si perfezionò alla Kirchenmusikschule di Ratisbona (1889) con M. Haller e Franz Xaver Haberl. Diresse la Cappella Marciana a Venezia (1889-1894) ottenendo la stima del cardinale Giuseppe Sarto; la Cappella Musicale della Basilica del Santo a Padova (1894-1897); il Conservatorio di Parma (1897-1902, periodo in cui ebbe rapporti con Giuseppe Verdi); la Cappella Musicale della Basilica della Santa Casa di Loreto. Insegnò al Conservatorio «San Pietro a Majella» di Napoli (1925-1930); diresse il Liceo musicale «C. Monteverdi» di Genova (1930-1932).

Ricevette varie onorificenze, tra cui le nomine a Caballero de la Real Orden de Isabel la Catolica de Espana (1897), e a Cavaliere (1900) e Commendatore (1916) dell'Ordine della Corona d'Italia; la Commenda dell'Ordine di San Silvestro dal Papa Pio X (1906), l'Encomio Solenne dall'Accademia d'Italia (1940) e la nomina ad Accademico di Santa Cecilia (1951).

Ha composto musica profana (46 titoli); musica sacra (142); ha trascritto e ridotto circa 130 partiture di antichi maestri: Rappresentazione di Anima e di Corpo di Emilio de' Cavalieri, Euridice di Jacopo Peri e Giulio Caccini, «Jephte» di Carissimi, ecc.

È autore di importanti pubblicazioni: «Metodo di studio per l'Organo moderno» con Marco Enrico Bossi (1893), "L'archivio musicale della Cappella Antoniana in Padova" (1895), "L'archivio musicale della Cappella Lauretana" (1921), «Ildebrando Pizzetti nelle 'memorie' di Giovanni Tebaldini" (1931), "Trattato di composizione" di Peter Piel (tradotto dal tedesco).

È stato critico musicale dei periodici: «Gazzetta Musicale di Milano», «Musica sacra», «La Scuola Veneta di Musica Sacra», «Rivista Musicale Italiana» e di altre testate; dei quotidiani «La Sentinella Bresciana», «La Lega Lombarda», «Corriere d'Italia», «Il Giornale d'Italia», ecc. Ha scritto vari saggi e tenuto 175 conferenze.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
Commendatore dell'Ordine di San Silvestro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine di San Silvestro

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La musica a Milano, in Lombardia e oltre, Volume 2, di Sergio Martinotti; pag.387

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dizionario della Musica e dei Musicisti, volume 7, UTET, Torino 1999, pag. 657
  • A. Capri, Storia della musica. Dalle antiche civiltà orientali alla musica elettronica, Vallardi, Milano 1969, pag. 21.
  • C. Moretti, L'Organo italiano, Casa musicale eco, Monza 1989, pp.130-131. ISBN 88-6053-030-X
  • S. Martinotti, La musica a Milano, in Lombardia e oltre, Volume 2, Vita e pensiero, Milano, 2000, pp.387-390. ISBN 88-343-0499-3
  • M. Contati, M. Medici, W. Weaver, The Verdi-Boito correspondence, University of Chicago, Chigago, 1994, pag. 236. ISBN 0-226-85304-7
  • F. Sanvitale, La romanza italiana da salotto, EDT, Torino, 2002, p.703. ISBN 88-7063-615-1
  • Enciclopedia Italiana Treccani, volume 12, Roma, 1961, p.372.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN76744430 · LCCN: (ENno93038885 · SBN: IT\ICCU\RAVV\086964 · ISNI: (EN0000 0000 8077 9026 · GND: (DE103992693