Giovanni Paolo Gamba Zampol

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giovanni Paolo Gamba detto "Zampol" (Bragarezza, 14 marzo 1723Forno di Zoldo, 9 febbraio 1802[senza fonte]) è stato uno scultore e intagliatore italiano.

Di famiglia umile, si formò da autodidatta pur subendo le influenze del conterraneo Andrea Brustolon.

Nel 1760 scolpì l'imponente pulpito della chiesa arcipretale di Pieve di Zoldo. Altri due pulpiti si trovano nella chiesa di Santa Giustina di Auronzo di Cadore e nella parrocchiale di Ampezzo, in Carnia. Realizzò inoltre l'altare maggiore e un tabernacolo per la chiesa di Fornesighe, l'altare maggiore della chiesa di San Rocco a Gavaz, l'altare di San Rocco nella chiesa di Bragarezza, la statua della Madonna de Aost a Forno e una Vergine col Bambino per la chiesa di Fusine. Nel 1777 restaurò una statua della Vergine per la chiesa di San Francesco a Forno di Zoldo.

Di lui non si hanno più notizie a partire dal 1770, quando si trasferì a Susegana per lavorare presso i conti di Collalto.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Bonetti, Paolo Lazzarin, La val di Zoldo. Itinerari escursionistici, Verona, Cierre Edizioni, 1997, p. 112, ISBN 978-88-8314-516-2.
  • Anna Maria Spiazzi, Scultura lignea barocca nel Veneto, Cariverona, 1997, p. 357.
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie