Giovanni Nuti (1964)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Nuti
NazionalitàItalia Italia

Giovanni Nuti (Viareggio, 21 agosto 1964) è un musicista e cantautore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Toscano di origini ma milanese di adozione, è un musicista e cantante con all’attivo 9 album e collaborazioni con Enrico Ruggeri, Roberto Vecchioni, Lucio Dalla, Mango, Enzo Avitabile, Milva, Dario Gay, Marco Ferradini e Simone Cristicchi.

Inizia a studiare pianoforte classico all’età di dieci anni. Nel 1989 esce l’album d’esordio Al parco dei silenzi (etichetta Ricordi): dieci canzoni firmate con Diego Michelon per le musiche con testi di Paolo Amerigo Cassella, Paolo Recalcati ed Enrico Ruggeri (brano “Notti di miele”).

Nel 1990 firma un contratto con la EMI e conosce Celso Valli, che decide di produrlo. Il secondo album dal titolo Giovanni Nuti viene pubblicato nel 1991 (con gli arrangiamenti e la produzione artistica di Celso Valli e i testi di Paolo Recalcati): Lucio Dalla suona la fisarmonica in “Ronda di notte”. Tra i brani dell’album: “Non è poesia”, con cui partecipa a Sanremo sezione Novità nel 1991, “Tirate i sassi alla luna”, dedicato all’intifada in Palestina, e "La ballata dell’acqua del mare", da una poesia di Federico García Lorca, di cui il gruppo greco Onar inciderà nel 2000 una cover con la partecipazione di Teresa Salgueiro, voce femminile dei Madredeus.

Giovanni Nuti collabora con altri cantautori: con Roberto Vecchioni, che lo ospita nel suo tour teatrale del 1991, e con Mango - per il quale scrive con Paolo Recalcati il testo del brano “I sensi miei”. Nel 1995, il brano "Le voci di dentro", di cui è autore, interpretato da Gloria, vince il Premio della Critica per le nuove proposte al Festival di Sanremo. Giovanni, insieme a Paolo Recalcati ed Enzo Avitabile, firma altri 3 brani dell’album di Gloria che esce nello stesso anno per la MCA.

Nel 1994 esce il terzo album (etichetta Mercury) Disordinatevi: la produzione artistica è firmata ancora da Celso Valli, mentre Paolo Recalcati è autore dei testi. Nel cd anche una versione in musica della poesia “I sandali” di Alda Merini. Grazie a questa composizione Giovanni Nuti nel 1993 conosce personalmente la poetessa milanese e da questo incontro nascono un importante sodalizio artistico e una straordinaria amicizia.

Dalla loro collaborazione, durata sedici anni - che Merini definiva “matrimonio artistico” - sono nati numerosi spettacoli che li vedono protagonisti insieme sul palcoscenico e quattro CD: Milva canta Merini (2004), ritorno discografico della “Rossa”, di cui Giovanni Nuti firma tutte le musiche e che viene presentato in un lungo tour in Germania ed Italia; Poema della croce, una moderna opera sacra rappresentata anche nel Duomo di Milano e definita da sua Eminenza card. Gianfranco Ravasi “opera di finissima e intensa esegesi musicale della grande poesia di Alda Merini”; Rasoi di seta, con 21 liriche della poetessa milanese musicate dal cantautore, tra cui “Poeti”, duetto con Simone Cristicchi; Una piccola ape furibonda, con otto testi inediti di Merini, pubblicato il 21 giugno 2010. Una piccola ape furibonda diventa un recital di poesie e canzoni andato in scena con Giovanni Nuti, affiancato, in occasioni diverse, da Valentina Cortese e Lucia Bosè (con quest’ultima oltre che in Italia anche in Spagna).

Nel 2007 esce Piedi adorati (duetto con Milva) di cui è autore con Paolo Recalcati. Nell’EP anche una versione della canzone popolare yiddish “Tumbalalaika".

Nel 2010 duetta con Dario Gay nel CD Ognuno ha tanta storia nel brano “Una inutile preghiera” di cui è autore. Nello stesso album altri 2 canzoni da lui composte (“Prima che sia notte” e “Inno alla pettegola”).

Il 5 dicembre 2011 Giovanni Nuti pubblica Vivere senza malinconia - Le Canzoni dello Swing Italiano Anni ‘30 e ’40, con cui offre una personale interpretazione di alcuni dei motivi più famosi che videro la nascita dello swing in Italia.

Nel 2012 esce Una pequeña abeja enfurecida - Giovanni Nuti canta Alda Merini in spagnolo con la partecipazione straordinaria di Lucia Bosè che ha curato le versioni in castigliano di tutte le poesie-canzoni.

Nel 2012 è ospite di Marco Ferradini nel CD La mia generazione, dedicato alle canzoni di Herbert Pagani, e duetta con lui nei brani “Albergo a ore” e “Portami via”.

Ad agosto 2013 Giovanni Nuti musica il mantra hawaiano del perdono HO’OPONOPONO (“Mi dispiace. Perdonami. Grazie. Ti amo”) e pubblica la registrazione in 10 lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, tedesco, russo, greco, cinese, giapponese.

Giovanni Nuti rende omaggio al cantautore Georges Moustaki, a pochi mesi dalla sua scomparsa, proponendo in 4 lingue il celebre brano Lo straniero (in vendita digitale dal 6 settembre 2013 anche nella versione originale francese Le méthèque, tedesca Ich bin ein Fremder, spagnola El extranjero).

A dicembre 2014 viene pubblicata la composizione di Giovanni Nuti, Cantico delle creature, suite di 11 brani per pianoforte eseguiti dalla pianista Elena Papeschi (Sagapò in coedizione con Casa Musicale Sonzogno). Ispirata dalle laudi di San Francesco – da fratello Sole a sora nostra Morte corporale – e dedicata “a Papa Francesco promessa e speranza di una Chiesa povera e cristiana”.

Il 19 ottobre 2015 ha debuttato al Teatro Trianon di Napoli il nuovo spettacolo Mentre rubavo la vita con Monica Guerritore, nella veste inedita di cantante ad interpretare, con Giovanni Nuti, il “canzoniere” meriniano.

Ad aprile 2016 Sony Music ripubblica in versione digitale il primo album Al parco dei silenzi con l’aggiunta del brano inedito “Nero” (testo di Maurizio Piccoli).

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

  • 1989 Al parco dei silenzi
  • 1991 Giovanni Nuti
  • 1994 Disordinatevi
  • 2006 Poema della croce
  • 2007 Rasoi di seta
  • 2010 Una piccola ape furibonda
  • 2011 Vivere senza malinconia
  • 2015 Cantico delle creature

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1983 Momento zero
  • 1987 Non si può/Un dolore in fondo a tutti i pensieri
  • 1991 Non è poesia
  • 2004 I Sandali (con Milva)
  • 2005 Piedi adorati (con Milva)
  • 2008 Gli inguini
  • 2009 Il Regno delle Donne: Giovanni Nuti canta Alda Merini per "Doppia Difesa"
  • 2009 La stufa di Maiolica
  • 2009 Una piccola ape furibonda
  • 2013 HO’OPONOPONO
  • 2013 Lo straniero (anche nella versione originale francese Le méthèque, tedesca Ich bin ein Fremder, spagnola El extranjero)

Partecipazioni ad altri dischi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2010 "Una inutile preghiera" - duetto con Dario Gay nel suo album Ognuno ha tanta storia
  • 2012 "Albergo a ore" e "Portami via”, duetti con Marco Ferradini nel CD La mia generazione

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]