Giovanni Francesco Fortunio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Francesco Fortunio (Zara o Pordenone, 1470 circa – Fano, 1517) è stato un letterato, grammatico, giureconsulto e umanista italiano[1].

Viene ricordato principalmente per avere dato vita nel 1516 alla prima grammatica del volgare con caratteri mobili, cioè stampata, dal titolo Regole grammaticali della volgar lingua.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 1470 circa, il suo luogo di origine è incerto; nei documenti triestini è riportata l'indicazione de Portunaone (Pordenone), mentre in quelli redatti ad Ancona la provenienza è segnalata come de Hyadria (Zara) in Dalmazia.

Si ritiene che la sua grammatica fu compilata nel periodo in cui si trovava a Trieste.[2] La prima edizione dell'opera fu stampata ad Ancona nel 1516 presso la tipografia di Bernardino Guerralda detto "Il Vercellese".

L'opera ebbe una grande fortuna. L'opera in due libri, ma che nell'intenzione dell'autore avrebbe dovuto essere in cinque, è un'analisi morfologica ed ortografica della lingua volgare toscana basata sulle opere trecentesche di Dante Alighieri, Francesco Petrarca e Giovanni Boccaccio. Celebre la sua Regola delle tre consonanti: devono essere evitate tre consonanti di fila.

Rivestì rilevanti cariche della politica italiana; a Trieste fu vicario tra il 1497 e il 1498 e in seguito podestà ad Ancona dove nel gennaio del 1517, l'anno successivo alla pubblicazione delle Regole grammaticali della volgar lingua, Fortunio precipitò dalla finestra del palazzo pretorio, spinto da qualcuno o più probabilmente suicidandosi.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il luogo di origine è incerto; nei documenti triestini è riportata l'indicazione de Portunaone, mentre in quelli redatti ad Ancona la provenienza è segnalata come de Hyadria ("Zara") in Dalmazia
  2. ^ La riedizione stampata a Venezia presso gli eredi di Aldo Manuzio nel 1552 è disponibile in 24 biblioteche italiane: Regole grammaticali della volgar lingua, di messer Francesco Fortunio, nuouamente reuiste, et con somma diligentia corrette.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A. Benedetti, Giovanni Francesco Fortunio umanista e primo grammatico della lingua italiana, Pordenone, s.d.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN76535047 · ISNI: (EN0000 0000 7819 1899 · SBN: IT\ICCU\SBLV\221661 · LCCN: (ENn81023110 · GND: (DE124029779 · BNF: (FRcb14447394x (data) · BAV: ADV10170869 · CERL: cnp01376721