Giovanni Faustini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Faustini (Venezia, 19 maggio 1615Venezia, 19 dicembre 1651) è stato un librettista e impresario teatrale italiano.

Sua madre, Isabetta Vecellio, era figlia del noto pittore Cesare Vecellio. Tra il 1642 e il 1651 scrisse 14 libretti, tutti per essere messi in musica nei teatri veneziani dell'epoca. La maggior parte di questi furono destinati all'impiego del compositore Francesco Cavalli. Giovanni Faustini fu attivo anche come impresario dei teatri San Moisé e San Apollinare. A causa della sua morte prematura (morì a soli 36 anni) lasciò cinque libretti incompiuti, che furono terminati dal fratello Marco, anch'egli affermato impresario.

La collaborazione fra Faustini e Cavalli rappresenta senz'altro il decennio più altamente fluttuante e formativo della storia dell'opera veneziana (1642-51). I drammi di Faustini, le quali trame e i personaggi erano generalmente inventati, piuttosto che storico o mitologico, lo sviluppo spesso coinvolgeva la relazione di due coppie di amanti. I suoi ultimi lavori, i quali risentono dell'influsso di Giacinto Andrea Cicognini, presentano trame con intrecci complessi.

Libretti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

P. Fabbri: Il secolo cantante: per una storia del libretto d'opera nel Seicento (Bologna, 1990)

Controllo di autoritàVIAF: (EN120745914 · ISNI: (EN0000 0001 1887 1240 · SBN: IT\ICCU\CFIV\081391 · LCCN: (ENn83065653 · GND: (DE134814584 · BNF: (FRcb14841064d (data)