Giovanni Coda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Coda

Giovanni Coda (Cagliari, 19 gennaio 1964) è un regista e fotografo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce il 19 gennaio 1964 a Cagliari. Dopo gli studi all'Università di Cagliari si trasferisce in Spagna per seguire il Master in Fotografia dell'Idep – Escuela de Fotografía IDEP de Barcelona. Dal 1996 dirige il V-art (Festival Internazionale Immagine d'Autore) e nel 2005 cura la Rassegna audiovisiva del Festival di Musica Elettroacustica Confluencias di Huelva, Spagna. Ha al suo attivo installazioni di fotografia e videoarte in musei e gallerie di varie città tra cui Venezia (Biennale della videoarte), Tokyo (Ayoama University), Londra (Watermans Arts Centre), Parigi (Maison d'Italie), Madrid (Museo del Rejna Sofia), Milano (Biennale della Videoarte), Roma (Teatro Vittorio). Nel 2013 esordisce con il suo primo lungometraggio Il Rosa Nudo, proiettato in anteprima nazionale all'edizione 2013 del Torino GLBT Film Festival.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi
Cortometraggi
  • L'attesa (1995)
  • L'ombra del ricordo (1996)
  • Il passeggero (1998)[1]
  • Serafina (2002)
  • Big Talk (2005)[2]
  • Brightness (2012)[3]
  • Xavier (2018)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Passeggero (consultato in data 22-02-2014)
  2. ^ Big Talk - L'amor que desune (consultato in data 22-02-2014)
  3. ^ Brightness (consultato in data 22-02-2014)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]