Giovanni Benedetto Gentilotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Benedetto Gentilotti
vescovo della Chiesa cattolica
Nato 1672
Ordinato presbitero 9 settembre 1725
Deceduto 20 settembre 1725

Giovanni Benedetto Gentilotti (Trento, 11 luglio 1672Roma, 20 settembre 1725) è stato un vescovo cattolico e bibliotecario italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di nobili origini, Giovanni Benedetto Gentilotti si formò in un primo momento a Trento, spostandosi poi per perfezionare i propri studi a Salisburgo, Innsbruck e, dopo aver preso gli ordini minori, a Roma. Chiamato da Leopoldo I nel 1704 per assumere la direttore interinale della Biblioteca imperiale a Vienna. Contribuì all'opera Italia Sacra di Ferdinando Ughelli, compilando le voci relative ai vescovi di Trento. [1]

Dopo aver ottenuto un canonicato presso la cattedrale di Trento nel 1722, fu eletto principe vescovo il 9 settembre 1725, poco prima di morire a Roma il 20 settembre dello stesso anno.

Di Gentilotti è nota la vasta collezione di libri e manoscritti che a metà dell'Ottocento fu donata all'erigenda Biblioteca comunale di Trento, di cui costituì il primo nucleo. Il vescovo, morendo a Roma il 20 settembre 1725, dispose nel proprio testamento che i 4612 libri da lui stesso collezionati nel corso di una vita da studioso e bibliotecario, attivo fra Salisburgo, Vienna e Roma, fossero raccolti tutti a Trento e legati in fedecommesso perpetuo alla famiglia[2]. Pochi anni dopo, nel 1731, gli eredi del vescovo stabilirono che, una volta estinta la linea maschile della dinastia, i libri della collezione Gentilotti fossero "riposti in un decente luogo, ove da letterati, ed amanti delle virtù, e scienze sia libero l'accesso per leggere e studiare"[3], cosa che effettivamente avvenne nel 1806, quando il canonico Giovanni Battista Gentilotti, privo di eredi, lascia la considerevole raccolta di volumi (ormai più di 10.000) di cui era in possesso alla pubblica consultazione “a gloria di Dio ed a vantaggio della patria”[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marcello Bonazza, Famiglia Rosmini e Casa rosminiana di Rovereto. Inventario dell'archivio (1505-1952, con documenti dal XIII secolo), Trento, Provincia autonoma di Trento. Soprintendenza per i beni librari e archivistici, 2007, p. 337.
  • Giuseppina Bordato, Gianbenedetto Gentilotti e la sua biblioteca, in Civis, A.4, Trento, 1980, pp. 193-217; 247-271.
  • Biblioteca Comunale e Archivio Storico del Comune di Trento. Guida alle sedi, alle sezioni e ai servizi, Trento, 2002.
  • Adolfo Cetto, La Biblioteca Comunale di Trento nel centenario della sua apertura, Firenze, 1956.
  • Armando Costa, I vescovi di Trento notizie, profili, Trento, Edizioni diocesane, 1977.
  • Francesco Ambrosi, Sommario della storia trentina: dai tempi più antichi sino agli ultimi avvenimenti. Con un saggio di bibliografia storica trentina, Borgo Valsugana, Marchetto, 1896.
  • Francesco Virgilio Barbacovi, Memorie storiche della città e del territorio di Trento, Trento, Monauni, 1824.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Principe Vescovo di Trento Successore BishopCoA PioM.svg
Giovanni Michele Spaur 1725 - 1725 Antonio Domenico Wolkenstein
Controllo di autoritàVIAF: (EN40112353 · ISNI: (EN0000 0000 7991 9298 · GND: (DE115629203 · CERL: cnp00378571