Giovanni Battista Cavallara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giovanni Battista Cavallara (Mantova, ... – Piubega, 1587) è stato un medico e letterato italiano.

Piubega, stemma G.B. Cavallara

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Mantova dalla nobile famiglia dei Cavallara, proprietari terrieri a Viadana[1].

Si laureò in medicina presso l'Università di Padova ed esercitò la professione di medico in varie località, tra le quali, Gonzaga, Revere, Piubega - ove strinse amicizia con il letterato asolano Antonio Beffa Negrini - e Medole, luogo in cui conobbe il poeta Ascanio de' Mori da Ceno che divenne il suo consigliere letterario.

Nel 1578 venne iscritto al collegio dei medici di Mantova e diventò medico alla corte di Guglielmo Gonzaga[2]. Curò il poeta Torquato Tasso,[3] imprigionato a Ferrara, che divenne suo amico e nel 1586 ottenne la libertà per intercessione del duca Vincenzo Gonzaga, il quale lo accolse presso la sua corte.

Giovanni Battista Cavallara morì nel 1587 a Piubega e fu sepolto nella locale chiesa parrocchiale dove gli fu innalzato un monumento funebre con la scritta Jo. Baptista Caballaria philosophus pius MDLXXXVII.[4]

Il suo motto fu: Sic sic ad superos.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CASTAGNA - PREDARI 1991, pp. 187-188.
  2. ^ VIGNOLI 2003, pp. 85-86.
  3. ^ Opere di Torquato Tasso.
  4. ^ Parrocchia di San Giacomo, su digilander.libero.it. URL consultato il 24 aprile 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mantova. Le lettere, a cura di Emilio Faccioli, Istituto Carlo d'Arco per la storia di Mantova, 1962, Parte III: Autunno del Rinascimento mantovano.
  • Francesco Brigoni, Medole attraverso i tempi, Medole, 1978.
  • Mario Castagna - Valerio Predari, Stemmario mantovano, vol. II, Montichiari, Zanetti editore, 1991, "Cavallara", pp. 187-188.
  • Torquato Tasso, Le lettere di Torquato Tasso. Vol V, Firenze, 1855.
  • Mariano Vignoli, Communitas Publicae. Vicende storiche di Piubega e del suo territorio, Comune di Piubega, Mantova, 2003, pp. 85-88.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]