Giovanni Battista Bosio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Battista Bosio
arcivescovo della Chiesa cattolica
Template-Metropolitan Archbishop.svg
Incarichi ricoperti Arcivescovo metropolita di Chieti ed amministratore perpetuo di Vasto
Nato 8 ottobre 1892, Concesio
Ordinato presbitero 3 aprile 1915
Nominato arcivescovo 24 luglio 1948 da papa Pio XII
Consacrato arcivescovo 5 settembre 1948 dal vescovo Giacinto Tredici, O.SS.C.A. (poi arcivescovo)
Deceduto 25 maggio 1967, Chieti

Giovanni Battista Bosio (Concesio, 8 ottobre 1892Chieti, 25 maggio 1967) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di umili origini, riuscì a permettersi gli studi in seminario grazie al sostegno economico del ricco concittadino Giorgio Montini.

Fu ordinato prete il 3 aprile 1915 e fu poi inviato a proseguire gli studi a Roma, dove conseguì la laurea in utroque iure.

Fu dapprima vicerettore del seminario minore bresciano di San Cristo e poi, dal 1918, docente di teologia morale nel seminario maggiore di palazzo Santangelo, dove ebbe tra i suoi allievi Giovanni Battista Montini, il futuro papa Paolo VI.

Ebbe anche incarichi pastorali: fu curato a Carcina e poi, dal 1927, prevosto di San Lorenzo a Brescia.

Eletto arcivescovo di Chieti ed amministratore perpetuo di Vasto da papa Pio XII il 24 luglio 1948, fu consacrato il 5 settembre successivo dal vescovo Giacinto Tredici nella basilica bresciana di Santa Maria delle Grazie.

Promosse il restauro delle cattedrali di Chieti e Vasto e la costruzione di numerose chiese; riordinò l'organizzazione delle parrocchie e delle foranie.

Indisse e celebrò, dal 2 al 4 settembre 1958, il XII sinodo diocesano teatino.

Fondò il settimanale diocesano L'Amico del Popolo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Arcivescovo metropolita di Chieti ed amministratore apostolico di Vasto Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Giuseppe Venturi 24 luglio 1948 - 25 maggio 1967 Loris Francesco Capovilla