Giovanni Antonio Fasolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Invito al ballo, affreschi di Villa Caldogno.

Giovanni Antonio Fasolo (Mandello del Lario, 1530Vicenza, 1572) è stato un pittore italiano, operante nel territorio della Repubblica Veneta nel tardo rinascimento.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 1530 in Lombardia a Mandello del Lario[1] (Lecco) (secondo altri a Orzinuovi,[2] mentre alcuni sono propensi a credere che fosse vicentino di origini), trascorse nel vicentino gran parte della sua vita.

Andò a studiare pittura a Venezia, dove fu molto probabilmente studente di Paolo Veronese. Dal 1557 divenne un affrescatore indipendente.

Nel 1562 iniziò a collaborare con Andrea Palladio, affrescando ville e palazzi costruiti dall'architetto veneto. Nel 1570 decorò, assieme a Giovanni Battista Zelotti, il Palazzo Porto-Colleoni a Thiene e Villa Caldogno. Nel 1572 eseguì dei dipinti per la Loggia del Capitanio a Vicenza, ma qui, mentre dipingeva sul soffitto del palazzo, cadde dall'impalcatura e morì. Uno dei suoi allievi fu Alessandro Maganza.

Il Fasolo si distinse come un brillante interprete del linguaggio veronesiano, per il domestico realismo attraverso il quale focalizza le scene amorose e idilliche, pur mantenendo una certa fissità nelle figure e uno scarso senso delle proporzioni.[2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

(elenco parziale)

Ritratto della famiglia Valmarana

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giovanni Antonio Fasolo su Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  2. ^ a b Le muse, De Agostini, Novara, 1966, Vol.IV, pag.460
  3. ^ Ritratto di Giuseppe Gualdo con i figli Paolo e Paolo Emilio - Pinacoteca di Palazzo Chiericati - Musei Civici Vicenza
  4. ^ Ritratto di Paola Bonanome Gualdo con le figlie Laura e Virginia - Pinacoteca di Palazzo Chiericati - Musei Civici Vicenza

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Freedberg, Sydney J. (1993). in Pelican History of Art: Painting in Italy, 1500-1600. Penguin Books, p. 565.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 76658921 · GND: 100297870