Giorgio Amato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giorgio Amato (Milano, 24 novembre 1969) è un regista, scrittore e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Milano ma cresciuto a Porto Torres[1], dopo la laurea in sociologia lavora come autore televisivo e teatrale[2]. Nel 2010 scrive e dirige il suo primo film per il cinema, Circuito chiuso[1], distribuito nel 2012, al quale seguono un altro thriller, The Stalker (2013)[3] e poi le commedie Il ministro (2016)[4][5][6] e Oh mio Dio! (2017)[7][8].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Amato, Tutti matti, Ragusa, Libroitaliano, 1996.
  • Giorgio Amato, Pedagogia critica e modello autobiografico: un recupero di Walter Benjamin, Bonanno, 2004, ISBN 9788877961693.
  • Giorgio Amato, Circuito chiuso, Roma, Banda Larga, 2011, ISBN 9788873941842.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Giorgio Amato racconta i “mostri” dell’Italia di oggi, su La Nuova Sardegna, 19 agosto 2016. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  2. ^ Giorgio Amato, su CinemaItaliano.info. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  3. ^ a b Alberto Genovese, The Stalker di Giorgio Amato, su Splatter Container (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2018).
  4. ^ Massimo Giraldi, Giorgio Amato presenta Il ministro, su Cinematografo, 28 aprile 2016.
  5. ^ Fabrique, Non è un paese per onesti, su Fabrique Du Cinéma, 4 maggio 2016. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  6. ^ Alessandro Annibali, Il ministro (2015) di Giorgio Amato - Recensione, su Quinlan.it, 6 maggio 2016. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  7. ^ "Oh mio Dio" di Giorgio Amato e i racconti di Jan Němec, su Hollywood Party - Rai Radio 3. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  8. ^ “Oh mio Dio!”, è ritornato il Salvatore, su La Nuova Sardegna, 31 marzo 2018. URL consultato il 1º ottobre 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90098333 · SBN IT\ICCU\BVEV\050249 · WorldCat Identities (ENviaf-90098333