Gino Alfani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luigi Alfani
Gino Alfani.jpg

Deputato del Regno d'Italia
Legislature XXVII
Sito istituzionale

Sindaco di Torre Annunziata
Durata mandato 18 novembre 1920 –
12 ottobre 1923
Predecessore Luca Ghirelli
Successore Pelagio Rossi

Dati generali
Professione Politico

Luigi "Gino" Alfani (Agnone, 10 maggio 1866Torre Annunziata, 28 febbraio 1942) è stato un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si trasferì con i genitori a Napoli, per spostarsi poi a Torre Annunziata. Avvocato, qui diresse la Camera del lavoro e venne eletto consigliere provinciale nel 1914 e sindaco nel 1920.

La sua giunta venne però sciolta dall'affermarsi del fascismo.

Nel 1921 insieme con alcuni giovani comunisti Torresi, Giovanni Tagliamonte, Salvatore Montuori, Michele Nappi e Vincenzo Afflitto, fu tra i fondatori del Partito Comunista d'Italia e fu eletto deputato al Parlamento, ma tre anni dopo fu arrestato.

Fu processato dal Tribunale Speciale assieme ad Antonio Gramsci, Umberto Terracini, Mauro Scoccimarro, Giovanni Roveda e altri ex deputati e compagni tra cui Igino Borin, Enrico Ferrari, Ezio Riboldi e Rosolino Ferragni (in tutto 22 dirigenti comunisti).[1][2]

Il tribunale speciale lo assolse, ma fu comunque inviato al confino a Lipari.

A Torre Annunziata gli è stata dedicata la strada in precedenza intitolata ad Italo Balbo e una statua eretta nel terzo anniversario della morte il 28 febbraio 1945. L'encomio recita: "Ho tolto il coltello dalle mani dell'operaio per mettervi il giornale"

Morì a Torre Annunziata nel 1942[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Fiori: Vita di Antonio Gramsci Edizione Ilisso, Nuoro, 2003 [1966], p. 268
  2. ^ Il processo sul sito ANPI Archiviato il 21 novembre 2003 in Internet Archive.
  3. ^ Salvatore Cardone, «Gino Alfani, mio padre...». La vita e la politica: un grande uomo torrese, torresette.it, 7 luglio 2015. URL consultato il 5 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2015).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90231073 · SBN IT\ICCU\LO1V\138144 · WorldCat Identities (EN90231073