Giardini del Frontone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giardini del Frontone
Giardini del Frontone Perugia.jpg
Giardini del Frontone di Perugia
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàPerugia
IndirizzoBorgo XX Giugno
Caratteristiche
Tipogiardino
Superficie8.300 m²
GestoreComune di Perugia
Realizzazione
ProprietarioComune di Perugia
Mappa di localizzazione
Sito web

Coordinate: 43°06′02.66″N 12°23′42.26″E / 43.10074°N 12.395073°E43.10074; 12.395073

I giardini del Frontone sono degli storici giardini di Perugia, siti nel quartiere di Borgo XX Giugno o Borgo Bello, adiacenti alla basilica di San Pietro.

La composizione della vegetazione è semplice ma pregiata, con erbacee perenni e stagionali e lecci secolari simbolo dell'antichità e dell'importanza di questo luogo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Sin dal 1275 è fatta menzione, nei civici annali, di una piazza del campo di battaglia nella quale si prendeva parte al gioco della sassaiola, attività ludica che coinvolgeva giovani e non solo, passione dei perugini; il luogo dedicato a questo passatempo divenne poi quello in cui sono attualmente situati i giardini del Frontone.

Sotto Braccio Fortebraccio, tra il 1414 e il 1420, vennero erette delle mura intorno al sito che venne utilizzato come "piazza d'arme" per le esercitazioni militari dei giovani, tanto da essere chiamato "piazza d'armi di Braccio".

I tempi tuttavia cambiarono, alla fine del Quattrocento i passatempi a sfondo bellicoso lasciarono il posto a nuovi divertimenti come la corsa al palio, i tornei e numerose feste, tanto che i giardini presero il nome di "piazza d'Amore" con Braccio Baglioni.

La Colonia augusta[modifica | modifica wikitesto]

Alla morte del Baglioni il Frontone venne abbandonato, non si hanno fonti su quello che fu il suo utilizzo: si pensa quindi che rimase inutilizzato, lasciato nelle mani della natura incolta fino al Settecento, quando l'Accademia dell'Arcadia fece il suo ingresso a Perugia. Gli arcadi, letterati romani, imitavano i costumi dell'Arcadia, provincia della Beozia, per opporsi al pessimo gusto che dominava in quel secolo nella letteratura italiana.

Nel 1707 ebbe origine la Colonia augusta, e il 14 ottobre dello stesso anno si tenne la prima seduta che vide a capo l'abate Giacinto Vincioli, uomo di grande erudizione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberto Grohmann, Le città nella storia d'Italia, Perugia-Bari, Laterza, 1981. ISBN 8842030392
  • Raffaele Rossi, Storia illustrata delle città dell'Umbria, Perugia-Milano, Elio Sellino Editore, 1993. ISBN 8823600510
  • Enzo Marcaccioli, Campus Orti Sancti Petri: omaggio al borgo bello, Perugia, Futura, 2009. ISBN 8895132483

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Perugia Portale Perugia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Perugia