Gian Giacomo dell'Acaya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il torrione circolare del castello di Acaya.

Il barone Giovanni Giacomo dell'Acaya (Napoli, 1500[1]Lecce, 6 dicembre 1570[1]) è stato un ingegnere italiano del XVI secolo, specializzato in opere di fortificazione alla moderna.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appartenne alla famiglia feudataria di Segine e di altri feudi, nel Salento a 8 km a est di Lecce. In suo onore il borgo prese, nel 1535, il nome attuale di Acaya.

Fu al servizio dell'imperatore Carlo V, con l'Incarico di Ingegnere generale del Regno di Napoli. Tra le opere da lui progettate, il Castello e la ciità ideale di Acaya (1535), il castello (1539) e le mura fortificate di Lecce, la fortezza di Crotone (o Castello di Carlo V) (1941). Lavorò anche al Castello di Amantea, in Calabria Citra, insieme a Giovanni Maria Buzzacarino[2].

Chiamato a Napoli dall'imperatore nel 1545, nel 1546 portò a termine la costruzione di Castel Sant'Elmo, iniziata su disegno di Scrivà nel 1537.

Alla morte del Viceré don Pedro da Toledo (1553), Gian Giacomo si ritirò nel suo feudo di Acaya. Ma nel 1570, per una fideiussione concessa ad un suo amico che non riuscì poi a saldare il proprio debito (un esattore dei tributi doganali di Puglia e Basilicata) fu sottoposto alle procedure esecutive e all’arresto. Morì di stenti quello stesso anno nel carcere di Lecce che, ironia della sorte, aveva anche progettato lui stesso qualche decennio prima[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Genealogia su GeneAll.net
  2. ^ Provincia di Cosenza - Itinerario storico-architettonico dei maggiori castelli della provincia di Cosenza, pp. 49-54 (PDF), su web.provincia.cs.it. URL consultato il 14-08-2011 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2013).
  3. ^ Marina Vincelli, Gian Giacomo dell'Acaya: l'architetto che progetto' il Castello di Crotone, in Gruppo Archeologico Krotoniate, 21 febbraio 2021. URL consultato il 21 febbraio 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN14674111 · ISNI (EN0000 0000 7864 590X · LCCN (ENnr97008523 · GND (DE123425077 · CERL cnp00575476 · WorldCat Identities (ENlccn-nr97008523