Castello di Lecce

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castello di Lecce
Castello Asburgico di Carlo V di Spagna
Interno Castello Carlo V.jpg
il cortile del castello
Ubicazione
Stato Italia Italia
Stato attuale Restaurato e visitabile
Città Lecce
Coordinate 40°21′08″N 18°10′30″E / 40.352222°N 18.175°E40.352222; 18.175Coordinate: 40°21′08″N 18°10′30″E / 40.352222°N 18.175°E40.352222; 18.175
Informazioni generali
Inizio costruzione XIII secolo, ricostruito tra il 1539 e il 1549
Costruttore Gian Giacomo dell'Acaya (secondo rimaneggiamento)
Materiale Pietra Leccese
Informazioni militari
Funzione strategica Struttura difensiva
Eventi Ospitò il congresso del G8 nel 2009 nella sala dedicata a Maria D'Enghien ovvero la sala del trono.
[senza fonte]
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Lecce si trova a ridosso del centro cittadino, più precisamente poco più ad est di esso, nei pressi di piazza Sant'Oronzo.

Torre Angioina del Castello
mappa

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'imperatore Carlo V d'Asburgo nel 1539 emanò l'ordine di demolire il vecchio baluardo principesco, risalente al Medioevo, e di costruire una nuova fortezza, all'avanguardia con le tecniche di architettura militare. I lavori di costruzione e di progettazione furono affidati a Gian Giacomo dell'Acaya, ingegnere generale del Regno di Napoli. La parte più esterna fu realizzata tra il 1539 e il 1549.

Nel 1872 venne colmato il fossato che lo circondava ed eliminati i ponti elevatori delle due porte: "Porta Reale", l'unica che oggi consente l'accesso, e la "Porta Falsa o di Soccorso" sul lato posteriore, che è quello più sviluppato ed il più fortificato, per contrastare i pericolosi attacchi che provenivano dalla vicina costa del mare Adriatico.

Per far posto all'imponente mole del castello fu demolito il Convento dei Celestini con l'annessa Chiesa di Santa Croce, in seguito riedificati in via Umberto I, e l'elegante reggia di cui rimane qualche traccia, inglobata nel corpo di fabbrica centrale: il Mastio a Nord-Est, la torre collocata a sinistra nel cortile a la "Torre mozza" posta a Sud-Ovest.

Il castello non ebbe solo funzioni difensive; per esempio, nel XVIII secolo una delle sale fu adibita a teatro.

Dal 1870 al 1979 il Castello fu caserma e distretto militare. Il 30 aprile 1983 l'Amministrazione Militare cedette il Castello al Comune di Lecce, che oggi lo utilizza come sede dell'Assessorato alla Cultura e centro per le attività culturali. Il primo piano del castello, area Nord-Ovest e area Sud-Est, è utilizzato per collocarvi eventi, promuovere iniziative culturali e realizzarvi percorsi espositivi.

Recenti indagini archeologiche svolte dall'Università del Salento hanno messo in luce il nucleo (almeno ad oggi) più antico del maniero, che è da far risalire al XIII secolo e inizi del XIV secolo cioè tra l'età sveva e quella angioina. Da riferire a tale periodo è la torre alta e svettante di forma quadrata che si trova al centro della fortezza del Cinquecento, da cui si sviluppò tutto l'impianto del castello così come appare oggi. Nel corso del Cinquecento come spesso accade nel area salentina il maniero venne profondamente modificato e ciò che vediamo oggi è in gran parte da collegare a tale periodo. Sappiamo che vi lavorarono diverse personalità legate all'architettura militare in particolare, Gian Giacomo dell'Acaya (ma su questo non vi è certezza).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La forma dell'edificio difensivo è quadrangolare con ai quattro angoli altrettanti "bastioni" da Ovest verso est in senso orario vediamo: il bastione detto di S. Croce, quello di S. Martino, S. Giacomo e S. Trinità. La forma ricalca quella tipica delle fortificazioni con baluardi agli angoli. Nella fortezza leccese vengono impiegati dei baluardi "fiancheggiati alla moderna", con i baluardi che rinserrano la cortina, muro rettilineo fra i due bastioni. Questo particolare concetto di architettura militare è stato particolarmente curato verso il lato ovest (quello che dava verso il centro cittadino). Il castello si trova lungo una via di comunicazione molto importante sin dal periodo romano e poi medievale, da qui infatti si poteva giungere al Porto di San Cataldo, il porto di Lecce. L'unica porta che consentiva l'accesso dalla città era la cosiddetta porta Reale, ben protetta dai bastioni S. Martino e S. Croce. Un'ulteriore porta si trovava sul lato opposto. Su entrambe le porte del castello vi era lo Stemma imperiale asburgico. L'edificio era completamente circondato da un fossato, oggi obliterato da strutture successive aggiunte in particolare nel corso dell'Ottocento; una leggenda narra che gli Orsini Del Balzo nel corso del Trecento tenessero nel fossato un orso bianco, sia come "status symbol" che per scoraggiare eventuali intrusioni; sulla porta ad est inoltre sono ancora presenti i segni dove doveva poggiare il ponte levatoio di cui erano munite entrambe le porte. Il castello era ben munito di pezzi di artiglieria a più livelli. Sono ancora qua e là visibili i punti dove venivano collocati i cannoni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cazzato M., 1997, Guida ai castelli Pugliesi 1. La provincia di Lecce, Martina Franca, Congedo editore.
  • Bacile Di Castiglione G., 1927, Castelli-Puglia

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]