George Maciunas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

George Maciunas (Kaunas, 8 novembre 1931Boston, 9 maggio 1978) è stato un artista e architetto lituano naturalizzato statunitense.

George Maucinas.

È considerato uno dei fondatori del Fluxus, movimento artistico internazionale di artisti, architetti, compositori e designers. L'invenzione del nome del movimento artistico viene attribuito proprio a Maciunas.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

George Maciunas è nato a Kaunas, Lituania, da padre lituano e madre russa. Da giovane, emigrò negli Stati Uniti, dove studiò architettura al Carnegie Mellon University. Successivamente, si rifugiò in Germania, per fuggire ai suoi creditori. Proprio in Germania, nel 1962 a Wiesbaden, Maciunas, Dick Higgins, Nam June Paik, Wolf Vostell, Emmett Williams, Alison Knowles, e Ben Patterson organizzarono il primo festival del movimento Fluxus.

Maciunas realizzò la costruzione di diversi attici a New York ed una fattoria a Great Barrington, nel Massachusetts. Maciunas ha reso SoHo un rifugio per artisti, convertendo edifici fatiscenti in attici e luoghi vivibili. Amico di molti artisti, tra i quali Jonas Mekas, La Monte Young, Nam June Paik, e Yōko Ono, e fece molto per l'avanzamento delle loro carriere. Nel 1975 rimase seriamente ferito durante un assalto da parte di alcuni creditori, attacco che lo rese cieco ad un occhio. Dopo aver sofferto di cancro morì a Boston nel 1978.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mr. Fluxus: A Collective Portrait of George Maciunas 1931-1978. Emmett Williams, Ann Noel, Ay-O, Thames & Hudson, 1998, ISBN 0-500-97461-6.
  • Der Traum von Fluxus. George Maciunas: Eine Künstlerbiographie. Thomas Kellein, Walther König, 2007. ISBN 978-3-8656-0228-2.
  • Petra Stegmann. The lunatics are on the loose… European Fluxus Festivals 1962–1977. Down with art! Potsdam, 2012, ISBN 978-3-9815579-0-9.

Film[modifica | modifica wikitesto]

  • George, Jeffrey Perkins, USA, 2018[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jeffrey Perkins, George, 21 febbraio 2018. URL consultato il 06 aprile 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN36975044 · ISNI (EN0000 0000 6644 9987 · LCCN (ENn85173011 · GND (DE119081784 · BNF (FRcb12256239v (data) · ULAN (EN500075547
Architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura