Georg Otto von Toggenburg-Sargans

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Georg Otto von Toggenburg-Sargans

Governatore del Veneto
Durata mandato 1850 –
1855
Capo di Stato Francesco Giuseppe d'Austria
Predecessore Stanislaus Anton Puchner
Successore Kajetan von Bissingen-Nippenburg

Durata mandato 1860 –
1866
Vice Giovanni Battista Marzani di Steinhof e Neuhaus
Predecessore Kajetan von Bissingen-Nippenburg
Successore Titolo soppresso

Dati generali
Prefisso onorifico Sua Eccellenza
Suffisso onorifico Conte von Toggenburg-Sargans
Tendenza politica Conservatore
Professione militare

Georg Otto von Toggenburg-Sargans (Rhäzüns, 1811Vienna, 1888) è stato un politico austriaco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Georg Otto nacque nel 1811 dalla nobile famiglia dei conti di von Toggenburg-Sargans i quali godevano di antica nobiltà. La sua famiglia discendeva infatti dagli antichi conti di Toggenburg, ai quali venne aggiunto anche il predicato di Sargans dopo che il padre di Georg Otto, Johann Georg, ottenne nel 1835 una riconferma di nobilitazione ed una nuova concessione dal Regno di Francia col titolo di Cavaliere ereditario.

Intrapresa la carriera politica in Austria, Georg Otto von Toggenburg-Sargans divenne dal 22 luglio 1850 governatore di Venezia per conto del Viceré del Regno Lombardo-Veneto, rimanendo in carica sino al 1855.

In quell'anno venne nominato Ministro del Commercio dell'Impero Austriaco, apportando importanti riforme per la regolazione della produzione interna delle industrie e occupandosi anche dei rapporti con l'esterno in campo commerciale, in particolare con le dipendenze austriache come il Regno Lombardo-Veneto o l'Ungheria. Occupò questa carica sino al 1859.

Il 9 febbraio 1860 venne nuovamente nominato governatore a Venezia, ma era quello uno dei periodi forse più travagliati del dominio austriaco in Italia settentrionale: nel 1861 dovette firmare all'armistizio che sciolse definitivamente il Regno Lombardo-Veneto, cedendo la Lombardia al Regno di Sardegna e lasciando il Veneto in mano austriaca. Successivamente, dopo i tragici eventi della Battaglia di Lissa nella terza guerra di indipendenza, venne costretto a lasciare Venezia il 18 ottobre 1866, la quale venne definitivamente ceduta ai piemontesi.

Tornato in patria, tra il 1866 al 1868 venne nominato governatore del Tirolo e del Vorarlberg, trovandosi ancora una volta a dover fronteggiare i piemontesi che, guidati da Giuseppe Garibaldi, tentarono l'invasione del Trentino.

Sul lato della vita privata ebbe un figlio, Friedrich von Toggenburg, il quale seguì le orme paterne e fu anch'egli governatore di Tirolo e Vorarlberg.

Morì a Vienna nel 1888.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di I Classe dell'Ordine della Corona Ferrea - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine della Corona Ferrea

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Governatore del Tirolo Successore Flag of Tirol.svg
Karl von Lobkowitz 1866-1868 Alphons von Klinkowström
Predecessore Governatore del Veneto Successore Flag of Most Serene Republic of Venice.svg
Kajetan von Bissingen-Nippenburg 9 febbraio 1860-18 ottobre 1866 Titolo soppresso
Predecessore Governatore del Veneto Successore Flag of Most Serene Republic of Venice.svg
Stanislaus Anton Puchner 21 luglio 1850- febbraio 1855 Kajetan von Bissingen-Nippenburg
Controllo di autorità VIAF: (EN81848648 · GND: (DE137699131
Risorgimento Portale Risorgimento: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Risorgimento