Gens Calpurnia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La gens Calpurnia fu una gens plebea della Repubblica romana. Le famiglie che ne fecero parte durante la Repubblica furono i Bestia (Bestia), i Bibulo (Bibulus, "bevitore"), i Fiamma (Flamma) e i Pisone (Piso, "mortaio"); alcuni dei Pisone hanno l'agnomen Cesonino o Cesonio (Caesoninus, probabilmente perché adottato da un Caesonius) e Frugi (Frugi).

Gli appartenenti alla gens Calpurnia affermavano di discendere da Calpus, terzo dei quattro figli del secondo re di Roma, Numa Pompilio;[1] per questo motivo la testa di Numa è raffigurata su alcune monete coniate da questa gens.[2] Non ci sono menzioni dei Calpurnii fino all'epoca della prima guerra punica; il primo di loro a ottenere il consolato fu Gaio Calpurnio Pisone, nel 180 a.C., e da questo momento giunsero più volte alla massima carica, in particolare con il ramo dei Pisoni.

Calpurnia, la quarta moglie di Cesare, apparteneva alla famiglia dei Pisoni.

Membri illustri[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Plutarco, Numa, 21; Orazio, Ars Poetica, 292 ; Festo, De verborum significatu, s. v. Calpurni.
  2. ^ Eckhel, Joseph Hilarius, Doctrina numorum veterum, v. p. 160.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Smith, William, "Calpurnia gens", Dictionary of Greek and Roman Biography and Mythology, vol. 1, p. 582.
Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma