Gaetano Savi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gaetano Savi

Gaetano Savi (Firenze, 13 giugno 1769Pisa, 28 aprile 1844) è stato un naturalista italiano.

Nato da Gaspero Savi, di Scarperia, e da Maria Rogai, fiorentina, fu iniziato agli studi botanici da Antonio Cocchi, medico e filosofo mugellano. A Firenze, presso i padri della Badia, studiò belle lettere e frequentò poi l'Università di Pisa dove si interessò principalmente di chimica, fisica e storia naturale. Addottoratosi nel 1795 in medicina, nel 1802 ottenne l'insegnamento di fisica sperimentale e nel 1810 quello di botanica e la direzione dell'Orto botanico nell'Ateneo Pisano e morì a Pisa il 28 aprile del 1844.

Seguì l'insegnamento di Giorgio Santi (1746-1822) e di Adolfo Targioni Tozzetti (1823-1902).

Scrisse l'opera Flora pisana (1798) e, nel 1801, scrisse la prima edizione del Trattato degli alberi della Toscana; nel 1808 scrisse il Botanicon Etruscum e nel 1818 la Flora Italiana.

Insegnò Fisica e Botanica all'Università di Pisa e ne diresse l'Orto Botanico a partire dal 1814. Suoi figli furono il naturalista Paolo Savi e il botanico Pietro Savi.

Pubblicazioni maggiori[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Direttore dell'Orto Botanico di Pisa Successore Pisa Antico Istituto di Botanica.JPG
Giorgio Santi 1814 - 1842 Pietro Savi

Controllo di autorità VIAF: 4503804 LCCN: no93027314