Gaetano Brundu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gaetano Brundu (Cagliari, 5 maggio 1936[1]Cagliari, 9 marzo 2015[2]) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Cagliari nel 1936, si è avvicinato da autodidatta al mondo della pittura a fine anni cinquanta, entrando a far parte del collettivo "Studio 58"[3] e avvicinando docenti di storia dell'arte dell'ateneo cagliaritano quali Corrado Maltese e Gillo Dorfles. La sua prima personale è del 1959, quando espone alla Biblioteca Universitaria di Cagliari i suoi "sacchi tagliati"[4] ispirati alle opere di Burri ma con forti influenze dello spazialismo di Lucio Fontana.[5]. Fra il 1965 e il 1967 si trasferí a Parigi, dove arricchì la sua produzione pittorica con influenze "pop"[3] ed espose le sue opere al Centre Culturel International, Maison de l’Allemagne e Maison Internationale[6].

Dopo essere tornato a Cagliari continuò la sua ricerca pittorica approfondendo lo studio e l'interesse per il colore, uniti al "taglio della tela", ed elaborò il segno del "baffo del leone" che divenne il marchio delle sue opere[5].In questo periodo realizzò, tra l'altro, illustrazioni per libri, come quelle della raccolta di racconti Sardonica di Giulio Angioni (Edes 1983) e diversi grandi murales a Monastir, Selargius e soprattutto a Settimo San Pietro (1979), con altri muralisti quali Rosanna Rossi, Tonino Casula e diversi altri[4]. Negli ultimi anni della carriera si dedicò anche alla modifica digitale di immagini e fotografie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vittorio Riggio, Guida all'arte sarda, Sassari, Scandellari, 1990.
  2. ^ Scomparso gaetano Brundu pittore (PDF), su ilritrovodeisardi.xoom.it. URL consultato il 12 luglio 2021.
  3. ^ a b Scheda su Artisti di Sardegna.it, su artistidisardegna.it. URL consultato l'11 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  4. ^ a b Scheda su Biennale Sardegna, su biennalesardegna.it. URL consultato l'11 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  5. ^ a b Gaetano Brundu, il gesto della libertà La Nuova Sardegna 06 Giugno 2014
  6. ^ Elenco mostre di Brundu Archiviato il 2 aprile 2015 in Internet Archive. su murmurofart.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN8235845 · SBN CAGV019550 · WorldCat Identities (ENviaf-8235845