Gabriel Zuchtriegel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gabriel Johannes Zuchtriegel (Weingarten, 24 giugno 1981) è un archeologo e funzionario tedesco naturalizzato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2001 al 2006 ha studiato archeologia classica, preistoria e filologia greca presso l'Università Humboldt di Berlino.

Nel 2010 ha conseguito il dottorato all'Università di Bonn con una tesi sul sito archeologico di Gabii,[1] dove aveva condotto campagne di scavo in virtù di una borsa di studio assegnatagli dall'Istituto archeologico germanico [2]. Zuchtriegel, che ha scavato anche a Selinunte e a Eraclea, è stato per un anno accademico (2014-15) docente a contratto per la cattedra di archeologia greca e romana all'Università della Basilicata.

Nel 2015 è stato nominato direttore responsabile del parco archeologico e del Museo archeologico nazionale di Paestum. Si è occupato della colonizzazione ellenica e dell'impatto che essa ha avuto sulla storia della Grecia antica più in generale[3], sostenendo tra l'altro che "alcuni concetti e argomenti di Platone e Aristotele diventano più chiari e coerenti se pensiamo alla società in cui questi pensatori vivevano come a una società colonizzatrice, che prevedeva l'espansione, l'emigrazione e lo sfruttamento di gruppi diversi dai coloni-cittadini come una possibilità molto concreta e reale."[4]

Nel 2017 Zuchtriegel si è esibito come pianista con brani di Bach e Chopin nell'ambito di una ricerca su Gianbattista Piranesi e il rapporto tra architettura e musica,[5] pubblicata poi sotto forma di racconto.[6]

Il 15 luglio del 2020 ha ottenuto anche la cittadinanza italiana[7].

Il 20 febbraio 2021 è stato nominato Direttore degli scavi archeologici di Pompei[8], succedendo a Massimo Osanna che era in carica dal 2014.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Vive in Italia con la moglie e i due figli: una femmina e un maschio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN278997687 · ISNI (EN0000 0003 8490 827X · LCCN (ENno2012138183 · GND (DE1113311975 · BNF (FRcb16665674p (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2012138183