Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Furud

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Furud
Furud
Canis Major IAU.svg
Classificazione Stella bianco-azzurra di
sequenza principale
Classe spettrale B2.5V
Distanza dal Sole 362 anni luce
Costellazione Cane Maggiore
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 06h 20m 18,792s
Declinazione -30° 03′ 48,12″
Dati fisici
Raggio medio 4,6[1] R
Massa
Temperatura
superficiale
21 900 K[3] (media)
Luminosità
4393[3] L
Età stimata 32 milioni di anni[2]
Dati osservativi
Magnitudine app. +3,00
Magnitudine ass. -2,21[4]
Moto proprio AR: 7.32 mas/anno
Dec: 4.03 mas/anno
Velocità radiale 32,2
Nomenclature alternative
Furud, Phurud, ζ CMa, 1 CMa, HD 44402, HIP 30122, SAO 196698

Coordinate: Carta celeste 06h 20m 18.792s, -30° 03′ 48.12″

Zeta Canis Majoris, conosciuta anche come Furud o Phurud (dall'arabo فرد, furud, "solitario"[5]) è una stella binaria spettroscopica della costellazione del Cane Maggiore. Dista 362 anni luce dal sistema solare[4]

Osservazione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una stella situata nell'emisfero celeste australe; grazie alla sua posizione non fortemente australe, può essere osservata dalla gran parte delle regioni della Terra, sebbene gli osservatori dell'emisfero sud siano più avvantaggiati. Nei pressi dell'Antartide appare circumpolare, mentre resta sempre invisibile a nord della latitudine 60° N, quindi in buona parte della Scandinavia e delle regioni settentrionali del Canada e della Russia. La sua magnitudine pari a 3 le consente di essere scorta con facilità anche dalle aree urbane di moderate dimensioni.

Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale ricade nei mesi compresi fra dicembre e maggio; nell'emisfero sud è visibile anche all'inizio dell'inverno, grazie alla declinazione australe della stella, mentre nell'emisfero nord può essere osservata limitatamente durante i mesi della tarda estate boreale.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

A dispetto del significato del suo nome (solitario) Furud è un sistema binario, composto da una stella principale di magnitudine 3 e da una compagna più debole di magnitudine 7. Orbitano l'una intorno all'altra in un periodo di 675 giorni, ad una distanza media di 3,2 UA, anche se l'alta eccentricità orbitale porta le stelle ad avvicinarsi fino a 1,4 UA e ad allontanarsi fino a 5,1 UA.[1]

La principale è una stella bianco-azzurra di sequenza principale, avente una massa 7,7 volte quella del Sole ed un raggio più che quadruplo[1][3]. La temperatura superficiale della stella è attorno ai 18.700 K ed è 3600 volte più luminosa del Sole[6].

A 3 minuti d'arco si trova un'altra stella di magnitudine 7,7, che è solo una compagna ottica della coppia principale e non è legata gravitazionalmente al sistema.

Furud si trova molto vicino all'antiapice solare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Jim Kaler, Furud, in STARS.
  2. ^ a b Tetzlaff, N et al., A catalogue of young runaway Hipparcos stars within 3 kpc from the Sun, in Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, vol. 410, nº 1, gennaio 2011, pp. 190–200, DOI:10.1111/j.1365-2966.2010.17434.x.
  3. ^ a b c I. McDonald et al., Parameters and IR excesses of Gaia DR1 stars, 2017.
  4. ^ a b Erik Anderson, Charles Francis, XHIP: An Extended Hipparcos Compilation, in Astronomy Letters, 23 marzo 2012.arΧiv:1108.4971
  5. ^ Non è però escluso che all'origine si sia trattato di un errore del copista, che non scrisse correttamente Qurūd (قرﻭد, "Scimmie". Entrambe le parole sono caratterizzate da un medesimo omografo iniziale, salvo che la Fāʾ ha un solo puntino diacritico soprastante, mentre la Qāf ne ha due.
  6. ^ Hohle, M. M.; Neuhäuser, R.; Schutz, B. F., Masses and luminosities of O- and B-type stars and red supergiants, in Astronomische Nachrichten, vol. 331, nº 4, aprile 2010, p. 349, DOI:10.1002/asna.200911355.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni