Fungicida rameico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Col termine di fungicida rameico o cuprico o verderame si intende genericamente un anticrittogamico a base di rame.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Gli ossicloruri di rame. Sono combinazioni idrate di ossido rameico e un cloruro. Rispetto al solfato di rame hanno il vantaggio di possedere una minore fitotossicità. In distribuzione esistono due prodotti:
    • Ossicloruro tetrarameico: è un complesso tra l'ossido rameico e il cloruro rameico, con formula 3 CuO · CuCl2 · 3 H2O.
    • Ossicloruro di rame e calcio: è un complesso tra l'ossido rameico e il cloruro di calcio, con formula 3 CuO · CaCl2 · 3 H2O.
  • L'idrossido di rame.
  • Il gluconato di rame: si tratta di un prodotto a basso dosaggio di rame metallo, attualmente contenuto in prodotti venduti come fertilizzanti fogliari; si tratta di prodotti in fase di studio e sperimentazione, molto promettenti in quanto consentirebbero un'efficacia pari o superiore a quella dell'idrossido di rame ma con minori quantità di rame metallo e minor rischio di fitotossicità.

Proprietà fitosanitarie[modifica | modifica wikitesto]

A prescindere dalla formulazione, il rame interferisce con la respirazione cellulare dei funghi interferendo con la formazione dell'acetil coenzima A e quindi con il Ciclo di Krebs. Inoltre interferisce con la dinamica di alcuni cationi nella parete cellulare e con lo stato strutturale della membrana cellulare.

Ambiti d'impiego[modifica | modifica wikitesto]

Il rame è un anticrittogamico a largo spettro d'azione attivo per contatto fogliare contro numerose micosi (in genere quelle provocate dalle Peronosporales) e contro le batteriosi in generale. Si impiega ad esempio per la difesa dell'olivo (contro l'Occhio di pavone e la Rogna), della Vite (contro la Peronospora), delle pomacee (contro la Ticchiolatura), delle drupacee (contro la Bolla e il Corineo), degli agrumi (contro il Mal secco e la Gommosi del colletto), della barbabietola (contro la Cercospora), in orticoltura e floricoltura (contro le "peronospore", le "antracnosi", le "septoriosi", le "alternariosi" delle ortive e delle floricole).

Fitotossicità[modifica | modifica wikitesto]

Il rame è un microelemento perciò le piante tendono ad assorbirlo anche per via fogliare. Le dosi impiegate a scopo fitoiatrico sono però eccessive rispetto ai fabbisogni delle piante perciò può esserci un effetto fitotossico, talvolta letale, su diverse specie agrarie. Va anche tuttavia precisato che il rame è presente sotto varie formulazioni (idrossido, ossicloruro, solfato tribasico solo per citarne alcune) ognuna delle quali ha caratteristiche diverse e più o meno fitotossiche a seconda dello stadio vegetativo della pianta. In generale si consiglia il trattamento invernale sui fruttiferi contro le forme svernanti mentre i trattamenti al verde vanno eseguiti a dosi più moderate. Alcune piante come ad esempio il pesco e il susino non tollerano assolutamente i trattamenti primaverili, mentre altre, come la vite, l'olivo, il melo sono più tolleranti.

Altri usi[modifica | modifica wikitesto]