Fronda parlamentare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il cardinale Giulio Mazarino

La Fronda parlamentare fu un movimento di rivolta e opposizione del Parlamento di Parigi contro il cardinale Mazzarino (e conseguentemente contro la regina Anna d'Austria, reggente in nome del figlio Luigi XIV), che ebbe inizio nel 1648. Essa fu la prima fase, durata circa due anni, di un più ampio movimento di rivolta, la Fronda.[1] Protagonisti di questa rivolta furono la nobiltà, sia quella cosiddetta Nobiltà di toga che quella tradizionale (o Nobiltà di spada), di Parigi, che non tollerava la tendenza assolutista dei re di Francia, in particolare il modo di governare instaurato dal cardinale Mazzarino durante il periodo di reggenza della madre di Luigi XIV, Anna d'Austria. Il motivo scatenante della rivolta fu di natura fiscale: il Mazzarino, primo ministro di Francia, nella perenne ricerca di fondi per poter finanziare la guerra contro l'impero nella quale si era impegnato anche il Regno di Francia, promosse l'istituzione di nuove tasse che andavano a colpire gli interessi della nobiltà terriera e gli alti funzionari dello stato. Del conflitto si era fatto promotore lo stesso Parlamento di Parigi, ove numerosi erano coloro che ricoprivano quelle cariche la cui remunerazione era stata bersaglio delle nuove norme fiscali. La Fronda parlamentare si chiuse alla fine del 1649, dopo una prova di forza (assedio di Parigi) che vide il Mazzarino prevalere, con un trattato di pace stilato a Saint-Germain-en-Laye fra la reggente ed i parlamentari, che faceva alcune concessioni a questi ultimi ma che si rivelò un accordo piuttosto precario, tanto che di lì a poco esplose la seconda fase, la Fronda dei principi.

I sette editti[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 1648 sette nuovi editti fiscali furono sottoposti alla registrazione del Parlamento di Parigi. A dispetto delle proteste dell'avvocato generale Omer Talon, il Parlamento dovette farsi da parte. Tuttavia esso era ferocemente ostile a tali misure che toccavano la maggior parte dei suoi membri i quali, fino a quel momento, non pagavano (o pagavano pochissime) imposte.

Anna d'Austria in un ritratto di Pieter Paul Rubens

Per costringere il Parlamento di Parigi a registrare i sette editti fiscali Anna d'Austria tenne un lit de justice, in presenza del re Luigi XIV, il 15 gennaio 1648. I parlamentari reagirono in un primo tempo con il duro discorso di Omer Talon,[2] poi esaminarono i decreti senza smettere le loro rimostranze. Nell'aprile del 1648 la tensione aumentò ancora a causa del diritto annuale o paulette. Il cardinale Mazzarino sperava di dividere le corti sovrane esentando i soli membri del Parlamento dalla rinuncia a quattro anni di emolumenti per ottenere il diritto di rinnovo delle loro cariche, ma fu uno scacco per lui. La Nobiltà di toga fece blocco: la protesta generale si tradusse nella bocciatura del decreto di unione del 13 maggio, avvenuta da parte del Consiglio di Stato nel mese di giugno.

La Chambre Saint-Louis e il sorgere dell'opposizione parlamentare (gen. – dic. 1648)[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto di Pierre Broussel, consigliere al Parlamento di Parigi, Ritratto di anonimo, 1649

In questo contesto le corti sovrane avevano preso l'abitudine di riunirsi insieme nella camera di San Luigi del Palazzo di Giustizia, su sollecitazione del Parlamento.

I magistrati redassero progetti di riforma in un documento di 27 articoli. Quest'ultimo prevedeva la soppressione dei traitants,[3] la riduzione della taille,[4] la ripartizione e le esazioni delle imposte riservate ai soli funzionari, la revoca degli intendenti, la rinuncia a creare nuove cariche, la rinuncia alla riduzione di rendite ed emolumenti, un habeas corpus per i soli funzionari (garanzie individuali). Dalla dichiarazione reale del 31 luglio la camera di San Luigi ottenne soddisfazione su tutti i punti (salvo che sulle lettres de cachet ) e Particelli d'Émery[5] fu respinto.

Ritratto di Gastone di Francia, duca d'Orléans e zio di Luigi XIV, 1634, di Antoon Van Dyck

Nel mese di agosto però la situazione mutò. La vittoria del principe di Condé del 20 agosto a Lens spinse Mazzarino a reagire. Egli approfittò dell'esultanza parigina (a Nôtre Dame fu cantato il Te Deum in onore del Condé), per far arrestare uno dei principali capi della Fronda parlamentare, il consigliere Broussel. Costui era molto popolare a Parigi, che per protesta innalzò barricate intorno al Palais-Royal.[6] Il cancelliere Séguier fu perseguito dalla folla che diede fuoco al palazzo di Luynes ove si era rifugiato e Mazzarino fu costretto a liberare Broussel che fece un rientro trionfale. In settembre la corte se ne andò per qualche tempo in esilio volontario a Reuil. Colà il vincitore di Rocroi e di Lens si mise a disposizione della regina Anna d'Austria[7]. Con la sua intermediazione e quella di Gastone d'Orléans la Corte ed il Parlamento tentarono di trovare una soluzione alla crisi. Anna d'Austria e Mazzarino si rassegnarono provvisoriamente ad andare incontro alle esigenze dei parlamentari: il 24 ottobre la monarchia accettò gli articoli della Camera di San Luigi, ridotti ad una quindicina, con una dichiarazione reale che confermava la decisione di luglio. Lo stesso giorno venne firmata con l'imperatore Ferdinando III (1608-1657) la pace di Vestfalia, mediante la quale la Francia usciva dalla guerra dei trent'anni pur rimanendo però in stato di belligeranza contro la Spagna (guerra franco-spagnola). L'evento passò del tutto inosservato. Tuttavia in autunno il Parlamento continuava a lamentare violazioni alla dichiarazione di ottobre e Mazzarino progettava di costringere Parigi con la fame.

La guerra ed il blocco di Parigi (gennaio-marzo 1649)[modifica | modifica wikitesto]

Armando di Borbone, principe di Conti, medaglione, v. 1650, opera di anonimo.

Mentre la Corte lasciava improvvisamente Parigi nella notte fra il 5 ed il 6 gennaio 1649 per trasferirsi al castello di Saint-Germain-en-Laye, le forze si organizzavano. Il Mazzarino chiamò 4.000 mercenari tedeschi dell'armata del Condé, che ricevette il comando di assediare Parigi. Egli disponeva da 8.000 a 10.000 uomini per l'operazione militare. Il Parlamento di Parigi emise un decreto l'8 gennaio con il quale metteva il Mazzarino al bando.

Da parte parigina si organizzò la resistenza. Il Parlamento affidò al principe di Conti, fratello del Condé, il comando delle truppe che dovevano difendere la città ed il Conti viene definito «Generalissimo della Fronda». Gli altri comandanti erano Federico Maurizio de La Tour d'Auvergne-Bouillon, Cesare di Vendôme, duca di Beaufort e Carlo II di Guisa-Lorena, duca d'Elbeuf, il maresciallo di Francia Philippe de La Mothe, conte di Houdancourt e duca di Cardone e François de La Rochefoucauld, principe di Marcillac. Anna Geneviève di Borbone-Condé, duchessa di Longueville (sorella del Condé) e soprattutto il vescovo ausiliare di Parigi e futuro cardinale di Retz, Giovan Francesco Paolo di Gondi, giocarono un ruolo prevalente nella rivolta.[8]

G.F.P. de Gondi, coadiutore di Parigi, poi cardinale di Retz (1651), Ritratto di anonimo

L'assedio della città si rivelò efficace, i granai intorno a Parigi non la alimentavano più. Lo scontro di Charenton delle truppe realiste con gruppi di frondisti l'8 febbraio 1649 rese impossibili le forniture ed i soldati del re saccheggiavano il sud della città. Tuttavia i frondisti ricevettero l'aiuto del visconte di Turenne, che tentò di trascinare al suo servizio otto reggimenti dell'armata di Germania comandati dal generale d'Erlach. Mazzarino rispose grazie al banchiere Barthélemy Hervart: egli riuscì a mantenere quest'armata al servizio del re pagando un milione e mezzo di lire tornesi. Rimasto senza mezzi, il Turenne decise per l'esilio ed in data 7 marzo fu dichiarato colpevole del crimine di lesa maestà.

In questa situazione i parlamentari più moderati quali il primo presidente del Parlamento Mathieu Molé ed il presidente Henri de Mesmes supplicarono Anna d'Austria di negoziare. Un compromesso venne raggiunto l'11 marzo a Reuil, seguito dalla pace di Saint-Germain (1º aprile 1649). Tutti i fautori dei disordini furono perdonati, incluso il Turenne e il 18 agosto il re fece il suo rientro a Parigi.

La pace di Saint-Germain : un accordo difficile e fragile[modifica | modifica wikitesto]

La pace di Saint-Germain segnò una pausa negli avvenimenti tumultuosi della Fronda, ma il ritorno alla calma era ancora difficile. Da un lato, a causa del fatto che i libelli contro Mazzarino continuavano a circolare liberamente per Parigi e, d'altro canto, ora anche le province si mossero. Le città di Bordeaux e d'Aix si sollevarono ciascuna contro il rispettivo governo ed il ritorno alla calma avvenne solo in agosto per la Provenza ed a gennaio 1650 per il bordolese.

Quanto alla situazione di Parigi, tutti i giochi avvennero dietro le quinte. In effetti il principe di Condé intendeva ottenere qualche beneficio per il sostegno fornito al Mazzarino con il blocco di Parigi. Le richieste del Condé (far parte del governo) portarono Mazzarino a riavvicinarsi ai primi frondisti: egli promise al Gondi la porpora cardinalizia, mentre Francesco di Vendôme fu neutralizzato grazie a madame de Montbazon ma anche dando in sposa al fratello, il duca di Mercoeur, la propria nipote Laura Mancini (1636 – 1657), figlia di sua sorella Geronima. Questo gioco di clientele rovesciò le alleanze: nel gennaio 1650 alcuni fra i capi della Fronda si riallinearono al potere regale contro il principe di Condé e la sua famiglia.

I protagonisti della Fronda Parlamentare[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il nome Fronda viene dal francese fronde, cioè fionda, lo strumento con il quale il popolino di Parigi lanciava sassi contro le finestre del cardinale Mazzarino
  2. ^

    « Dio può governare il Cielo senza essere consigliato, ma i re, pur appartenendo alla stirpe degli dei, sono ciò nondimeno uomini, e tutti gli uomini hanno bisogno di consigli! »

    (Omer Talon)
    (John B. Wolf, Luigi XIV, Ed. Garzanti, Cap. IV)
  3. ^ Questo termine, analogo al nostro contraente, designava coloro i quali avevano stipulato un contratto finanziario (traité) con il re di Francia. Questi contratti erano sottoscritti dal Consiglio del Re, da una parte, e da un prestanome che rappresentava l'esecutore del contratto dall'altra, chiamato appunto traitant. Il contratto precisava:
    • l'affare preso in carico dal contraente
    • l'importo finanziario atteso dal re
    • le modalità di versamento del medesimo
    Il contraente doveva quindi corrispondere una somma stabilita entro una data stabilita al re. Egli recuperava in seguito il proprio corrispettivo dai soggetti coinvolti (contribuenti). La maggior parte dei contraenti (circa il 70%) effettuava questa operazione una volta sola ma la parte rimanente rimaneva a lungo sulla piazza ottenendo notevoli guadagni. Si trattava di una vera e propria esazione d'imposte delegate a un offerente che anticipava a suo rischio l'importo atteso dallo stato (certo per l'incerto). Alcuni esattori si specializzavano in un tipo particolare d'imposta ed erano quasi tutti parigini.
  4. ^ Si trattava di un'imposta diretta che colpiva le famiglie secondo la loro disponibilità
  5. ^ Il ministro delle finanze che, su richiesta di Mazzarino, aveva ideato l'inasprimento delle imposte.
  6. ^ Méthivier (Hubert), L'Ancien Régime en France, XVIème-XVIIème-XVIIIème siècles, Paris, P.U.F., 1981, 3e éd. 2003, p. 263.
  7. ^
    (FR)

    « "Je ne saurais souffrir l'insolence de ces bourgeois qui veulent gouverner l'État; je m'appelle Louis de Bourbon..." »

    (IT)

    « Io non posso soffrire l'insolenza di questi borghesi che vogliono governare lo stato: io mi chiamo Luigi di Borbone … »

    (Luigi II di Borbone, principe di Condé)

    (da: John B. Wolf, Luigi XIV, Ed. Garzanti, p. 263)

  8. ^ Il Gondi si mostrava a cavallo nelle vie di Parigi in abito grigio, le pistole sull'arco della sella mentre il popolo ne cantava le lodi paragonando lui a Davide ed Anna d'Austria con il Mazzarino a Golia

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • John B. Wolf, Luigi XIV, Garzanti Editore, Milano, 1981

in francese:

Opere generali sul XVII secolo:

  • Lucien Bély, (dir.) Dictionnaire de l'Ancien Régime, Paris, P.U.F., 1996, réed. 2003.
  • François, Bluche (dir.), Dictionnaire du Grand Siècle, Paris, Fayard, 1990, réed. 2005.
  • Marcel Marion, Dictionnaire des institutions de la France aux XVIIème et XVIIIème siècles, Paris, Picard, 1923.
  • Yves-Marie Bercé, Nouvelle histoire de la France moderne, 5 vol., tome III, La naissance dramatique de l'absolutisme (1598-1661), Paris, Le Seuil, 1992. ISBN 2-02-015937-6
  • Joël Cornette, Les années cardinales: chronique de la France (1599-1652), Paris, Sedes, 2000. ISBN 2-7181-9320-4
  • André Corvisier, La France de Louis XIV: 1643-1715, ordre intérieur et place en Europe, Paris, Sedes, coll. Regards sur l'histoire, 1979, 3e éd. 1990. ISBN 2-7181-3868-8
  • Hubert Méthivier, Le siècle de Louis XIII, Paris, P.U.F., coll. Que sais-je?, 1964, 9e éd. 1994. ISBN 2-13-044871-2
  • Françoise Bayard, Le monde des financiers au XVIIème siècle, Paris, Flammarion, 1988. ISBN 2-08-211177-6
  • Julian Dent, Crisis in finance: crown, financiers and society in 17th century France, New-York, Newton Abbot, 1973. ISBN 0-7153-5979-7
  • Daniel Dessert, Argent, Pouvoir et Société au Grand Siècle, Paris, Fayard, 1984. ISBN 2-213-01485-X
  • Bernard Barbiche, Les institutions françaises à l'époque moderne, Paris, P.U.F., coll. Premier cycle, 1999, 2e éd. 2001. ISBN 2-13-051940-7
  • (EN) Albert N. Hamscher, The Parlement of Paris after the Fronde, 1653-1673, Pittsburgh, University of Pittsburgh Press, 1976. ISBN 0-8229-3325-X
  • (EN) A. Lloyd Moote, "The Revolt of the Judges. The Parlement of Paris and the Fronde, 1643-1652" in French Studies, Oxford, 1975, vol. XXIX, n°3, p. 324 et suiv.
  • Roland Mousnier, La vénalité des offices sous Henri IV et Louis XIII, Rouen, Maugard, 1946, 2e éd., Paris, P.U.F., 1971, ristampa 1979.
  • Roland Mousnier, Les institutions de la France sous la monarchie absolue, Paris, 2 vol., P.U.F., 1974, 2e éd., coll. Quadrige, 2005 [L'editione del 2005 sta su un unico volume]. ISBN 2-13-054836-9

La Fronda, aspetti tematici e cronologici

  • (DE) Eckart Birnstiel, Die Fronde in Bordeaux, 1648-1653, Frankfurt am Main, Lang, 1985. ISBN 3-8204-8480-9
  • Ernest Kossmann, La Fronde, Leyde, Presses universitaires de Leyde, 1954. [ne]
  • Hubert Méthivier, La Fronde, Paris, PUF, coll. « L'Historien », 1984. ISBN 2-13-038700-4
  • Michel Pernot, La Fronde, Paris, éd. de Fallois, 1994. ISBN 2-87706-202-3
  • Orest Allen Ranum, La Fronde, Paris, Le Seuil, 1995, trad. The Fronde: a French Revolution, 1648-1652, New-York et Londres, Norton, 1993. ISBN 2-02-022827-0

I protagonisti della Fronda:

  • Claude Badalo-Dulong, Banquier du roi: Barthélemy Hervart (1606-1676), Paris, Ségur, 1951.
  • Katia Béguin, Les princes de Condé. Rebelles, courtisans et mécènes dans la France du Grand siècle, Seyssel, Champ-Vallon, 1999. ISBN 2-87673-277-7
  • Jean Bérenger, Turenne, Paris, Fayard, 1987, réimp. 1998. ISBN 2-7028-1653-3
  • Joël Cornette, La mélancolie du pouvoir: Omer Talon et le procès de la raison d'État, Paris, Fayard, 1998. ISBN 2-213-60198-4
  • Georges Dethan, Mazarin, un homme de paix à l'âge baroque, 1602-1661, Paris, Imprimerie nationale, 1981.
  • Claude Dulong, Mazarin, Paris, Perrin, 1999. ISBN 2-7028-3639-9
  • Claude Dulong, Anne d'Autriche: mère de Louis XIV, Paris, Perrin, 2000. ISBN 2-262-01601-1
  • Pierre Goubert, Mazarin, Paris, Fayard, 1990. ISBN 2-213-01650-X
  • Marie-Catherine Vignal-Souleyreau, Anne d'Autriche: la jeunesse d'une souveraine, Paris, Flammarion, 2006. ISBN 2-08-068810-3

Satira su Mazarino:

  • Hubert Carrier, Les mazarinades: la presse de la Fronde (1648-1653), Genève, Droz, 1989.
  • Christian Jouhaud, Mazarinades : la Fronde des mots, Paris, Aubier, 1985. ISBN 2-7007-0390-1