Fritillaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Fritillaria
Fritillaria meleagris1.jpg
Fritillaria meleagris
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Liliales
Famiglia Liliaceae
Genere Fritillaria
L., 1753
Alcune specie

Fritillaria L., 1753, è un genere di piante della famiglia delle Liliaceae, originario del Sudafrica, il cui nome deriva dal latino fritillus (= bossolo per i dadi) per la forma dei fiori con variegatura a scacchi; comprende piante bulbose distribuite nelle regioni temperate dell'emisfero settentrionale, alte da 25 cm fino a 1,20 m a seconda della specie, con fiori gialli, verdi, blu, arancio, scarlatto, rosso-brunastro, in tinta unica o screziati.

Specie Principali[modifica | modifica wikitesto]

Tra le specie più coltivate ricordiamo:

  • Fritillaria imperialis originaria della Persia e Turchia, nota col nome di Corona imperiale già coltivata in Europa nel XVI° secolo, pianta vigorosa dall'aspetto particolare, con un grosso bulbo, dalle tuniche giallastre, e con tipico odore agliaceo, con uno stelo sormontato in primavera da un ciuffo di foglie, e da fiori campanulati o tubolari con corolle di colore rosso-brunastro, giallo o arancione, riuniti in grandi infiorescenze disposte a cerchio sotto il ciuffo di fogliame
  • Fritillaria pyrenaica, detta anche Fritillaria nigra, alta oltre 40 cm, con fiori penduli dai vari colori verde oliva, violaceo e marrone
  • Fritillaria ruthenica originaria del Caucaso con fiori penduli di colore nero

Tra le specie spontanee in Italia citiamo:

  • Fritillaria meleagris L., originaria dell'Europa centrale, ma ormai spontanea delle Alpi, nota anche col nome di Meleagride serpentina, dal portamento serpentino dello stelo, alta 30–40 cm, ha foglie sparse, lineari-canalicolate, con fiori campanulati, penduli, dalle corolle violacee maculate di porpora-rugginoso, fioritura in aprile-maggio
  • Fritillaria tubiformis Gren. & Godr. (= F. delphinensis Gren. & Godr.), vive spontanea nei pascoli e luoghi cespugliosi aridi dei monti, con fusti alti 10 - 30 cm cilindrico eretto, portanti foglie solo nella metà superiore, le foglie apicali sono lineari, quelle inferiori strettamente lanceolate. Fiore grande 3-4 cm campanulato, solitario, pendulo di colore bruno-porporino chiaro o viola vinoso, variegato a scacchiera con chiazze a scacchi poco evidenti e tepali strettamente ellittici. Capsula a forma di clava. Fioritura in maggior giugno dopo la fusione della neve.[1]
  • Fritillaria tenella Bieb. (= F. montana Hoppe), nota col nome comune di Meleagride minore NOMI COMUNI: Bossolo dei dadi, Fiore di Dama, Testa di serpente. Pianta poco comune, tipica dei pascoli e dei luoghi rocciosi, dei monti da 600 a 1500 mlm; Pianta perenne esile con un bulbo ricoperto da tuniche biancastre, da cui si erge un gracile fusto eretto, cilindrico, subglabro lungo 20–40 cm, che porta foglie lineari-lanceolate acuminate, opposte o riunite in verticilli di 3, o più raramente disposte in ordine sparso, e solcate profondamente da nervature parallele; fiore unico, pendulo, campanulato (diametro 2-3 cm); tepali ovoidali-oblunghi di colore vinoso-porporino, più o meno variegati a scacchiera, con una fossetta nettarifera ovoidale-oblunga, ha 6 stami e un pistillo con ovario supero, frutto a capsula ovoidale lungo 15–20 mm. Fiorisce da aprile a maggio.[2]

Uso[modifica | modifica wikitesto]

Vengono utilizzate per alte bordure, macchie isolate nei giardini, e per la coltivazione in vaso sui terrazzi

Metodi di coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

Preferisce esposizione al sole o mezzo-sole, terreno fresco ma ben drenato, leggero non calcareo.

La moltiplicazione avviene facilmente con i bulbetti prodotti lateralmente dal grosso bulbo centrale.

Avversità[modifica | modifica wikitesto]

Terreni compatti e calcarei, ed estati torride portano ad un rapido deperimento della pianta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mario Soster, Flora Valsesiana Edizioni Blu
  2. ^ Giovanni Galletti, Abruzzo in fiore, Edizioni MENABO - Majambiente

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica