Francesco Poli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francesco Poli (Torino, 1949) è uno storico dell'arte e docente italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Professore di Storia dell'Arte Contemporanea dell'Accademia di Brera, è anche professore della Sorbona e dell'Università degli Studi di Torino con una cattedra di Arte e Comunicazione[1].

Poli scrive regolarmente per numerose riviste e giornali d'arte, tra cui Tema Celeste,[2] e per il quotidiano italiano La Stampa. Francesco Poli è anche critico d'arte per il quotidianoIl manifesto,[2] ed è specializzato soprattutto sull'arte del ventesimo secolo.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Produzione artistica e mercato, Einaudi, Torino, 1975
  • L’arte bella, Feltrinelli, Milano, 1979 (con Luciano Caramel)
  • La Metafisica, Laterza, Milano 1989 (ristampa e ampliamento in 2004)
  • Giulio Paolini, Lindau, Turino, 1990
  • Dizionario di arte contemporanea (con Martina Corgnati), Feltrinelli, Milano, 1994
  • Minimalismo, Arte Povera, Arte Concettuale, Laterza, Roma, 1995 (VIII edizione 2009)
  • Catalogo generale delle opere di Felice Casorati. I dipinti, (con Giorgina Bertolino), 2 vol., Allemandi, Torino, 1996 (II edizione in 3 libri, Le sculture e l’aggiornamento dipinti, 2004)
  • Il sistema dell’arte contemporanea, Laterza 1999 (IX edizione 2008)
  • Gian Enzo Sperone. Torino, Roma, New York, Hopeful Monster, Torino, 2000
  • Dizionario dell’arte del Novecento (with Martina Corgnati), Bruno Mondadori, Milan, 2001 (pocket book 2009)
  • Arte Contemporanea. Le ricerche internazionali dagli anni Cinquanta a oggi, Electa, Milan, 2003 (IV ed. 2008)
  • La scultura del Novecento, Laterza, Roma, 2006.
  • Arte Moderna. Dal postimpressionismo all’informale, Electa, Milano, 2007
  • Felice Casorati: Art & Dossier, Giunti, Firenze, 2007
  • Arte contemporanea, Arnoldo Mondatori Editore, Milano, 2007
  • L’arte del Novecento in Piemonte, Regione Piemonte, Priuli & Verlucca, Torino, 2008
  • Gli anni Cinquanta, Arte Contemporanea, Electa, Milan, 2008

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Biografia, edizioni Electa
  2. ^ a b Biografia, Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN56622096 · ISNI: (EN0000 0001 2280 3822 · SBN: IT\ICCU\CFIV\001315 · BNF: (FRcb12019407b (data)