Francesco Aglietti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Aglietti

Francesco Aglietti (Brescia, 1º novembre 1757Venezia, 3 maggio 1836) è stato un medico e letterato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò a Padova e lavorò dal 1780 come medico a Venezia, dove rimise in onore gli studi anatomici e dove nel 1814 venne nominato protomedico del governo. Nel 1783 fondò il Giornale per servire alla storia ragionata della medicina di questo secolo e nel 1793 le Memorie per servire alla storia letteraria e civile, dirette entrambe fino al 1800. Si segnalò per la sua vasta cultura, che non si limitava all'ambito medico, estendendosi a tutte le arti umanistiche, con un particolare interesse per la letteratura tedesca.[1]

L'orientamento delle Memorie per servire alla storia letteraria e civile era sostanzialmente conservatore e antilluministico[2], ma quando nel 1797 cadde la Serenissima e si instaurò in laguna la Municipalità provvisoria, Aglietti sostenne le idee democratiche, pronunciando in questo senso un Discorso politico al popolo di Murano nel medesimo anno.

Fece ricerche sulla litiasi delle arterie segnalando l'importanza delle lesioni anatomiche nella formazione degli aneurismi.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • 1800Sulla litiasi delle arterie
  • 1836Delle lodi

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ B. Rosada, La giovinezza di Niccolò Ugo Foscolo, Padova, Antenore, 1992, pp. 68-69.
  2. ^ Giornali veneziani del Settecento (a cura di M. Berengo), Milano, Feltrinelli, 1962, p. LXIII.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN61833864 · ISNI: (EN0000 0000 6133 2827 · SBN: IT\ICCU\UBOV\565059 · GND: (DE116257318 · BNF: (FRcb150461879 (data) · BAV: ADV10223171