Forte Interrotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Forte Interrotto
Fortificazioni italiane al confine austriaco
Devensivkaserne Interotto. Aufgenommen am 5. Juni 1916. (BildID 15534385).jpg
Il forte/caserma Interrotto in una foto d'epoca
Ubicazione
StatoItalia Regno d'Italia
Stato attualeItalia Italia
CittàAsiago Vicenza Vicenza
Coordinate45°53′50″N 11°28′50″E / 45.897222°N 11.480556°E45.897222; 11.480556Coordinate: 45°53′50″N 11°28′50″E / 45.897222°N 11.480556°E45.897222; 11.480556
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Forte Interrotto
Informazioni generali
TipoFortezza
Altezza1.392 m
Informazioni militari
Armamento2 cannoni da 120 mm
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il forte Interrotto era una caserma militare costruita nel XIX secolo e trasformata in fortezza allo scoppio della Prima guerra mondiale a difesa del confine italiano contro l'Impero austro-ungarico. La fortezza è sita a 1.392 metri di altitudine e si trova nel territorio comunale di Asiago. Il nome del forte non deriva dall'opera incompiuta ma dal nome del monte sopra al quale venne costruito, appunto il Monte Interrotto (italianizzazione del termine cimbro Hinterrucks che significa "monte posto a nord").

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il forte, concepito inizialmente come caserma per ospitare il Battaglione alpini "Bassano", venne costruito nella seconda metà dell'800 interamente in pietra. Antecedente al Primo Conflitto Mondiale (la costruzione fu completata nel 1887), venne direttamente coinvolto nelle vicende belliche e poi pesantemente danneggiato. Venne occupato dall'esercito austro-ungarico il 22 maggio 1916 durante l'avanzata verso Asiago. Fu quindi adattato come osservatorio sull'Altopiano (con l'apposizione di alcuni fari) e dotato di qualche pezzo di piccolo calibro.

Il suo compito durante il primo conflitto mondiale, coadiuvato dalla Tagliata Val d'Assa e dalle batterie del Monte Rasta, era quello di costituire uno sbarramento dell'alta Val d'Assa in caso di avanzata austriaca.

Il forte è stato ulteriormente danneggiato durante le varie esercitazioni militari che si sono svolte per decenni, già a partire dal primo dopoguerra, sull'Altopiano di Asiago. Fu infatti centrato da vari missili in batteria negli anni '60 del secolo scorso, mentre ora è sottoposto ad un piano di ristrutturazione grazie al progetto denominato "ecomuseo Grande Guerra delle Prealpi vicentine".[1]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio con le sue possenti mura di pietra e laterizio assomiglia più ad un castello medievale che ad una fortificazione del XIX secolo. Era costituito da una struttura a pianta rettangolare ampia all'incirca 1.170 m2, alta 14metri e con posta al centro la piazza d'armi; su due opposti angoli del perimetro c'erano due torri dal diametro di 10 m. La fortezza era circondata da un fossato ampio 5 metri.

Armamento[modifica | modifica wikitesto]

Fonti incerte: 2 cannoni da 120 mm in casamatta (secondo fonti austriache) o 2 cannoni da 75B con affusto rigido (secondo altre fonti).[2]

Corazzatura[modifica | modifica wikitesto]

Vie d'accesso[modifica | modifica wikitesto]

Si può rapidamente raggiungere risalendo la strada che all'altezza dell'abitato di Camporovere (sulla strada statale 349 che da Asiago porta a Trento) sale dapprima al Monte Rasta (dove termina il tratto asfalto) e quindi, con una serie di ampi tornanti, arriva direttamente alla Caserma difensiva dell'Interrotto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]