Flutter atriale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Flutter atriale
[[File:
Flutter atriale di tipo comune
|frameless|center|260x300px]]
Specialità cardiologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 427.32
ICD-10 I48
MedlinePlus 000184
eMedicine 151210

Il flutter atriale (flutter in inglese significa battito rapido, movimento rapido) è una aritmia sopraventricolare con contrazione dell'atrio del cuore molto rapida e ben organizzata, dove la frequenza atriale può arrivare a 250-350 impulsi al minuto. Generalmente si instaura un blocco nella conduzione atrioventricolare, per cui la frequenza percepita è normalmente di circa 175 battiti al minuto.

A causa del rallentamento della conduzione dell'impulso attraverso il nodo atrioventricolare, non tutte le attività elettriche del flutter si trasmettono dagli atri ai ventricoli. Generalmente il rapporto tra l'attività elettrica degli atri e quella dei ventricoli è 2:1, talvolta 3:1 o 3:2, molto raramente 1:1 (di solito quando la frequenza del flutter è stata portata, attraverso la somministrazione di farmaci, sotto i 200 battiti al minuto).

Il meccanismo elettrofisiologico alla base del flutter è un rientro dello stimolo elettrico all'interno dell'atrio (rientro intra-atriale) che può interessare tutto l'atrio o una parte di esso.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

John Mac William, professore di Medicina nell'Università di Aberdeen, nel 1887 utilizzò per la prima volta il termine flutter per descrivere la rapida contrazione degli atri che osservava sperimentalmente per mezzo della “stimolazione faradica” delle pareti atriali in cuori di animali; le contrazioni erano descritte come regolari e coordinate e persistevano al cessare della stimolazione[1].

W.A.Jolly and W.T.Ritchie, nel 1910, utilizzando il galvanometro a corda inventato da Willem Einthoven e prodotto dalla Cambridge Scientific Instrument Company di Londra registrarono e descrissero il primo elettrocardiogramma di flutter atriale in un paziente[2].

Sir Thomas Lewis nel 1821 propose il meccanismo del movimento circolare di un fronte d'onda (macrorientro) per spiegare il fenomeno del flutter atriale[3]. L'intuizione di Lewis si dimostrò esatta e attualmente il modello del rientro è comunemente accettato.

Sintomatologia[modifica | modifica wikitesto]

Generalmente la persona avverte una fortissima velocità del battito cardiaco con notevoli irregolarità nel ritmo (nel caso di blocco variabile 2:1 e 3:1). Possono riscontrarsi disturbi legati ad ischemia cardiaca (tipo infarto miocardico acuto) e/o sintomi di uno scompenso cardiaco.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Il Flutter atriale parossistico può svilupparsi in un cuore sano o in cuori con anomalie degli atri (per es. dilatazione) o alterazioni del sistema di conduzione

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

Interruzione spontanea del flutter atriale e ripristino del ritmo sinusale (tracciato Holter)

Nell'ECG le onde che si visualizzano sono a dente di sega e si nota la continua attività elettrica (più onde P per ogni complesso QRST), ancora più chiara in II, III o V derivazione. Normalmente la frequenza ventricolare si stabilizza (nei casi blocco A-V fisso) tra i 145-150 (se blocco A-V 2:1) oppure 95-100 (se blocco A-V 3:1), oppure circa 75 (se blocco A-V 4:1)

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

Come intervento è specifica la cardioversione sincronica con corrente diretta a bassa energia, sempre minori di 50 joule, come farmaci da somministrare utili i betabloccanti, e calcioantagonisti per rallentare l'alta frequenza.

Complicanze[modifica | modifica wikitesto]

Il flutter atriale, seppur meno della fibrillazione atriale è considerato un ritmo emboligeno, ovvero, si possono formare dei trombi nell'atrio sinistro e successivamente portare ad una tromboembolia. Le altre complicanze:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ JA. McWilliam, Fibrillar Contraction of the Heart., in J Physiol, vol. 8, nº 5, Oct 1887, pp. 296-310, PMID 16991467.
  2. ^ Jolly WA e Ritchie WT, Auricular flutter and fibrillation, in Heart, nº 2, 1910, pp. 177–221.
  3. ^ Lewis T, Observations upon flutter and fibrillation; Part IX. The nature of auricular fibrillation as it occurs in patients, in Heart, nº 8, 1921, pp. 341–345.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Lilly L.S., Pathophysiology of Heart Disease, 2007ª ed., Baltimore: Lippincott Williams & Wilkins, ISBN 978-1-60547-723-7.
  • Rowlands DJ, Interpretazione dell' elettrocardiogramma, 2004ª ed., Pro.Med. Editore, ISBN 978-88-6521-011-6.
  • Surawicz & Knilans, Chou's Electrocardiography in Clinical Practice, Fifth Edition, ISBN 0-7216-8697-4.
  • Richard N. Fogoros, Electrophysiologic Testing, ISBN 0-632-04325-3.
  • Vidaillet, Granada, et.al, A Population-Based Study of Mortality among Patients with Atrial Fibrillation or Flutter, in Am J Med, PMID 12401530.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina