Florence Devouard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Florence Nibart-Devouard

Florence Nibart-Devouard (Versailles, 10 settembre 1968) è un'ingegnere francese, ex presidente del Consiglio di amministrazione della Wikimedia Foundation.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Versailles in Francia ma è cresciuta a Grenoble. Ha vissuto in molte altre città francesi, ad Anversa in Belgio ed in Arizona negli Stati Uniti. Dal 2005 risiede a Clermont-Ferrand in Francia. È sposata con Bertrand Devouard e ha tre bambini, William (nato nel 1996), Anna-Gaîlle (nata nel 1998) e Thomas (nato nel 2006).

Florence Devouard è laureata in ingegneria agricola ed industrie alimentari presso l'ENSAIA, possiede un diploma di Studio Avanzato (DEA) in genetica e nelle biotecnologie ottenuto all'INPL. Ha lavorato nella ricerca pubblica, prima nel campo del miglioramento genetico, successivamente in microbiologia studiando il suolo inquinato. Ultimamente è stata impiegata per una ditta francese dove disegnava attrezzi agricoli.

Membro impegnato del progetto di Wikipedia, è stata citata per aver detto: "è possibile che un giorno sarò più orgogliosa di Wikipedia che dei bambini"[1]. Contribuisce ai vari progetti della fondazione con il nickname "Anthere".

Si è impegnata molto nella creazione e strutturazione della Wikimedia Foundation; è stata vicepresidente del consiglio d'amministrazione nel 2004, e nell'ottobre 2006 è diventata presidente della Wikimedia Foundation in sostituzione di Jimmy Wales, fondatore di Wikipedia ed oramai presidente onorario.

Il 16 giugno 2008 è stata insignita cavaliere dell'Ordine Nazionale al Merito[2]. La medaglia le è stata conferita ufficialmente il 17 dicembre 2008 da Éric Besson.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine Nazionale al Merito - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Nazionale al Merito
— 16 giugno 2008

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ John Follain, A Life In The Day: Florence Devouard, in Sunday Times, 8 luglio 2007. URL consultato il 12 agosto 2010.
  2. ^ Décret du 16 mai 2008 portant promotion et nomination, legifrance.gouv.fr. URL consultato il 12 agosto 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN201174911 · ISNI: (EN0000 0004 1036 9346 · BNF: (FRcb160160448 (data)