Fisker Automotive

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Fisker Automotive è una casa automobilistica nata dalla collaborazione tra Fisker Coachbuild (azienda di tuning) e Quantum Technologies. Primo frutto di questa collaborazione è la Fisker Karma, vettura ibrida sportiva presentata al salone internazionale dell'auto di Detroit a gennaio 2008.

Il quartier generale della società Fisker Automotive è situato a Irvine in California.

Fisker Automotive ha presentato al salone internazionale dell'auto di Detroit a gennaio 2009 la Fisker Karma S “Sunset”, versione cabrio della Karma.

La Fisker Karma

Il propulsore adottato dai prodotti Fisker prende il nome di “Quantum Drive” e, sviluppato da “Quantum Technologies”, consiste in due motori elettrici da 201 Cv ciascuno abbinati ad un motore termico da 2.0 di cilindrata e di 260 Cv appartenente alla serie Ecotec di General Motors. L'autonomia della propulsione elettrica è di 80 km. Una volta esaurita tale carica l’entrata in funzione del motore termico permette il recupero di energia e la ricarica dei due motori elettrici.

La commercializzazione è prevista da fine anno 2009 negli Stati Uniti ed entro la prima parte del 2010 in Europa.


Storia[modifica | modifica sorgente]

Henrik Fisker ha co-fondato la società nel 2007 con Bernhard Koehler e Quantum Technologies, dopo essersi assicurato un investimento relativamente piccolo da Gianfranco Pizzuto, un imprenditore italiano. Henrik Fisker è responsabile per la progettazione di molte vetture premium come la Aston Martin DB9 e Aston Martin V8 Vantage, Artega GT e BMW Z8.

Henrik Fisker lascia Aston Martin nel 2005 per stabilire Fisker Coachbuild, nel tentativo di far rivivere l'arte della costruzione di automobili seguendo le specifiche del cliente. Vengono prodotte La Fisker Latigo e la Fisker Tramonto utilizzando telai e motorizzazioni da Mercedes e BMW. Dalla vendita di questi modelli prende piede il business che ben presto da alla vita un'azienda vera produttrice di automobli, la Fisker Automotive.

Nel Agosto 2012, Tony Posawatz ex direttore della linea Chevrolet Volt, viene nominato come nuovo amministratore delegato con Henrik Fisker Presidente Esecutivo. Henrik Fisker si dimette nel marzo 2013 dopo disaccordi con il management, in particolare disaccordi sulla strategia di business. Il New York Times ha riferito che le dimissioni di Fisker sono giunte durante le trattative di acquisto con la Zhejiang Geely Group holding, che detiene attualmente Volvo.

Alla fine di marzo, Fisker ha assunto uno studio legale di prepararsi per un possibile fallimento.

Disputa legale con Tesla Motors[modifica | modifica sorgente]

Il 14 aprile 2008 Tesla Motors ha presentato una querela contro Fisker Automotive, nella quale denunciano il furto della tecnologia usata per sviluppare la propria vettura ibrida, la Fisker Karma. Tesla afferma che il lavoro di progettazione svolto per la Model S da Fisker Coachbuild era scadente, e che Fisker abbia deviato le sue migliori idee per la Karma. All'inizio del 2009 la causa è stata risolta a favore di Fisker e Tesla fu condannata a pagare Fisker più di 1 milione di dollari in spese legali.

Il 23 novembre 2013 la Fisker ha dichiarato bancarotta.

Il 17 febbraio 2014 è stata rilevata dalla cinese Wanxiang, azienda specializzata in ricambi per auto, per una cifra che si aggira intorno ai 149 milioni di euro.

Note[modifica | modifica sorgente]


Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti