Fette biscottate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fette biscottate
Zwieback-1.jpg
Fette biscottate tedesche (Zwieback)
Origini
Luogo d'origineEuropa Europa
Dettagli
Categoriadolce
Ingredienti principalifarina, olio o burro, lievito, zucchero
Calorie approssimative per portata29-30 kcal a fetta[1]
 

Le fette biscottate sono fette di pane cotte una seconda volta. A differenza del pane, le fette biscottate vantano una consistenza croccante, una maggiore concentrazione di maltodestrine e saccarosio, una minore umidità ed un sapore più dolce. Tradizionalmente si consumano durante la colazione, accompagnate da burro e marmellata nonché al naturale.

Origine e composizione[modifica | modifica wikitesto]

L'origine delle fette biscottate risale all'Ottocento , quando la comunità mennonita (una comunità prussiana che professava il ritorno ad una vita semplice a caritatevole) produsse le fette onde evitare sprechi e mantenere una lunga conservazione del prodotto.[2]

Le fette biscottate, dopo l'impasto, la lievitazione e la prima cottura, subiscono l'ungitura ed un ulteriore trattamento termico. Questi ultimi passaggi gli conferiscono maggior friabilità, minori concentrazioni d'acqua, maggior apporto di lipidi, maggiore densità energetica e maggiore digeribilità rispetto al pane tradizionale.[3]

Le fette biscottate sono alimenti ricchi di calorie; questa caratteristica è determinata dall'elevata concentrazione di carboidrati, dalla bassa umidità e dalla presenza di grassi necessari all'impasto e alla doratura. Le fette biscottate contengono una quantità modesta di proteine a medio valore biologico e una concentrazione variabile di fibra alimentare (in base al tipo di farina impiegata).[4]

Oggi la produzione è quasi esclusivamente industriale ed a quelle tradizionali si affiancano altre contenenti fibre integrali. Il procedimento è totalmente automatizzato e prevede un packaging che garantisce il mantenimento delle caratteristiche organolettiche e gustative.

Denominazione negli altri paesi[modifica | modifica wikitesto]

In Prussia tali fette vennero chiamate zwieback (zwie= due, back= infornare), nome che tutt'oggi usano la Germania e i paesi anglofoni per denominare le fette biscottate.

In Gran Bretagna sono conosciute come "toast Français", dal nome datogli dall'unica ditta (francese) che le produce/importa.

In Francia si chiamano "biscottes", perché sono letteralmente fette di pane cotte due volte.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le fette biscottate - Albanesi.it
  2. ^ Andrea Tibaldi, Fette biscottate, su www.cibo360.it. URL consultato il 1° febbraio 2016.
  3. ^ (EN) Fette biscottate, su www.my-personaltrainer.it. URL consultato il 21 agosto 2017.
  4. ^ (EN) Fette biscottate, su www.my-personaltrainer.it. URL consultato il 21 agosto 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND: (DE4580854-5
Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina