Fette biscottate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fette biscottate
Zwieback-1.jpg
Fette biscottate tedesche (Zwieback)
Origini
Luogo d'origine Europa Europa
Dettagli
Categoria dolce
Ingredienti principali farina, olio o burro, lievito, zucchero
Calorie approssimative per portata 29-30 kcal a fetta[1]
 

Le fette biscottate sono fette di pane cotte una seconda volta.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

L'origine delle fette biscottate risale all'Ottocento , quando la comunità mennonita (una comunità prussiana che professava il ritorno ad una vita semplice a caritatevole) produsse le fette onde evitare sprechi e mantenere una lunga conservazione del prodotto.[2]

Denominazione negli altri paesi[modifica | modifica wikitesto]

In Prussia tali fette vennero chiamate zwieback (zwie= due, back= infornare), nome che tutt'oggi usano la Germania e i paesi anglofoni per denominare le fette biscottate.

In Gran Bretagna sono conosciute come "toast Français", dal nome datogli dall'unica ditta (francese) che le produce/importa.

In Francia si chiamano "biscottes", perché sono letteralmente fette di pane cotte due volte. Le fette biscottate hanno anche grassi cioè olio di palma ma sono molto ricche e nutrienti. Ci sono anche le fette biscottate integrali molto ricche e ancora più nutrienti delle altre.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le fette biscottate - Albanesi.it
  2. ^ Andrea Tibaldi, Fette biscottate, su www.cibo360.it. URL consultato il 1° febbraio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina