Festival scacchistico di Robecchetto con Induno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La prima edizione del Festival scacchistico di Robecchetto con Induno si svolse nell'anno 1988 nell'atrio delle locali delle Scuole Elementari e fu vinta da un giovanissimo Valerio Luciani, ora maestro FIDE. Nella categoria esordienti partecipò anche Gianpietro Pagnoncelli, l'attuale presidente della Federazione Scacchistica Italiana. Nel 1989 la gara fu invece dirottata nella vicina Dairago e nel 1994 raggiunge il picco delle partecipazioni.

In quegli anni il maestro internazionale Fabio Bellini si impone due volte. La direzione del torneo era affidata all'arbitro internazionale Lanfranco Bombelli. Dalla seconda metà degli anni novanta la manifestazione cambia due volte il proprio calendario: ci furono tre edizioni estive, dal 1995 al 1997, e quattro di inizio anno, dal 1997 al 2000. Il festival non fu invece disputato nell'anno 2001 e neppure nel 2003.

Nel 2002 la manifestazione tornò a svolgersi nell'originale periodo natalizio ed è l'ultima volta che il torneo ebbe luogo nelle Scuole Elementari.

Le prime tredici edizioni, dal 1988 al 2000, furono organizzate dal Circolo Scacchistico Paul Keres, allora con sede a Robecchetto con Induno, le successive dal Circolo Scacchistico Cavalli & Segugi.

Dal 24 al 26 luglio 2015 si è svolta un'edizione straordinaria del festival in occasione dell'EXPO 2015 di Milano. Per la quarta volta il torneo viene proposto in estate.

Nuova sede e dati statistici[modifica | modifica wikitesto]

  • 2004 la manifestazione cambia sede spostandosi all'albergo ristorante "Da Mariuccia".
  • 2008 a partire da quell'anno l'arbitro principale del festival diviene Jean Dominique Coqueraut.
  • 2010 il numero di iscrizioni torna a superare le 100 unità.
  • 2011 si impone il giovanissimo maestro FIDE Francesco Rambaldi, di soli dodici anni. Rambaldi diviene il vincitore più giovane di tutte le edizioni.
  • Il maestro internazionale croato Milan Mrdja è l'unico ad aver vinto tre edizioni (1996, 2004 e 2015). Sono invece tre i giocatori con due successi: Fabio Bellini (1992 e 1994), Emiliano Aranovitch (2002 e 2009) e Angelo Damia (2007 e 2014).

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

La seguente tabella riporta i vincitori del torneo principale. Le edizioni estive evidenziate con sfondo rosa.

nr. Date Vincitore Paese Iscritti
 1
26-31.12.1988
Italia  Valerio Luciani  Italia
46
 2
26-31.12.1990
Italia  Enzo Bove  Italia
58
 3
26-31.12.1991
Paesi Bassi  Wim Koster  Olanda
103
 4
26-31.12.1992
Italia  Fabio Bellini  Italia
95
 5
26-30.12.1993
Bosnia ed Erzegovina  Sahbaz Nurkič  Bosnia-Erzegovina
128
 6
27-30.12.1994
Italia  Fabio Bellini  Italia
117
 7
22-25.06.1995
Jugoslavia  Milorad Vujovič  Jugoslavia
90
 8
24-30.06.1996
Croazia  Milan Mrdja  Croazia
100
 9
04-12.01.1997
Italia  Alberto Colombo  Italia
72
10
26-29.06.1997
Croazia  Ante Jurkovič  Croazia
106
11
02-05.01.1998
Italia  Davide Sgnaolin  Italia
76
12
02-05.01.1999
Romania  Georghe Ciolac  Romania
102
13
02-05.01.2000
Bulgaria  Ventzislav Inkiov  Bulgaria
69
14
26-29.12.2002
Italia  Emiliano Aranovitch  Italia
76
15[1]
27-29.12.2004
Croazia  Milan Mrdja  Croazia
64
16
27-29.12.2005
Serbia e Montenegro  Zivojin Ljubisavljevič  Serbia e Montenegro
52
17[2]
27-29.12.2006
Serbia e Montenegro  Andjelko Dragojlovič  Serbia e Montenegro
63
18
27-30.12.2007
Italia  Angelo Damia  Italia
78
19
27-30.12.2008
Filippine  Rolly Martinez  Filippine
97
20[3]
27-30.12.2009
Italia  Emiliano Aranovitch  Italia
95
21[4]
27-30.12.2010
Italia  Loris Cereda  Italia
109
22[5]
27-30.12.2011
Italia  Francesco Rambaldi  Italia
102
23[6]
27-30.12.2012
Lituania  Virginijus Dambrauskas  Lituania
106
24[7]
27-30.12.2013
Cuba  Rene Alonso Garcia  Cuba
96
25[8]
26-29.12.2014
Italia  Angelo Damia  Italia
111
26[9]
24-26.07.2015
Italia  Artem Gilevych  Italia
78
27[10]
26-29.12.2015
Croazia  Milan Mrdja  Croazia
101
28[11]
26-29.12.2016
Italia  Marco Massironi  Italia
80
29
26-29.12.2017

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Messaggero Scacchi, numero 249, messaggeroscacchi.it. URL consultato il 10 gennaio 2005.
  2. ^ Messaggero Scacchi, numero 351, messaggeroscacchi.it. URL consultato l'8 gennaio 2007.
  3. ^ Messaggero Scacchi, numero 502, messaggeroscacchi.it. URL consultato il 4 gennaio 2010.
  4. ^ Messaggero Scacchi, numero 551, messaggeroscacchi.it. URL consultato il 3 gennaio 2011.
  5. ^ Messaggero Scacchi, numero 604, messaggeroscacchi.it. URL consultato il 9 gennaio 2012.
  6. ^ Messaggero Scacchi, numero 653, messaggeroscacchi.it. URL consultato il 2 gennaio 2013.
  7. ^ Messaggero Scacchi, numero 704, messaggeroscacchi.it. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  8. ^ Messaggero Scacchi, numero 754, messaggeroscacchi.it. URL consultato il 31 dicembre 2014.
  9. ^ Messaggero Scacchi, numero 784, messaggeroscacchi.it. URL consultato il 28 luglio 2015.
  10. ^ Messaggero Scacchi, numero 805, messaggeroscacchi.it. URL consultato il 30 dicembre 2015.
  11. ^ Messaggero Scacchi, numero 855, messaggeroscacchi.it. URL consultato il 3 gennaio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Scacchi Portale Scacchi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scacchi