Ferrovia Torrebelvicino-Schio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Torrebelvicino - Schio
Stati attraversatiItalia Italia
Lunghezza4 km
Apertura1885
Chiusura1925
GestoreFerrovie Economiche di Schio
Ferrovie Nord Vicenza
Scartamento950 mm
Elettrificazioneno
Ferrovie

La Torrebelvicino-Schio era una breve ferrovia di raccordo a scartamento ridotto che collegava gli opifici di tessitura Rossi di Torrebelvicino con la stazione ferroviaria di Schio. La tratta faceva parte della più lunga relazione Torrebelvicino-Schio-Rocchette-Arsiero che univa le zone sede dei vari importanti opifici tessili del tempo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La breve ferrovia venne progettata alla fine degli anni settanta del XIX secolo nell'ambito delle iniziative di sviluppo industriale tessile nell'alto vicentino promosse e realizzate da Alessandro Rossi. Questi era già stato il promotore del collegamento tra Schio e Vicenza, con lo scopo di allacciamento alla importante relazione Milano-Venezia in funzione dal 1846 fino a Venezia e dal 1876 fino a Milano; tale proseguimento avrebbe consentito anche un più ampio sviluppo di mercato nel settore tessile.[1]

Venne costruita dalla società Ferrovie Economiche di Schio, costituita principalmente con capitali locali e partecipazione della Società Veneta e messa in esercizio il 16 marzo 1885 contemporaneamente alle tratte Schio-Rocchette e Rocchette-Arsiero[2]; passò poi alle Ferrovie Nord Vicenza. Ebbe tuttavia una funzione preminentemente pendolare, quindi con poche prospettive di sviluppo di traffico. Il 30 novembre 1925 furono sospese le corse a causa del fallimento della società che la gestiva e il 31 dicembre 1925 fu dismessa definitivamente.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Partiva dall'interno del lanificio Rossi a Torrebelvicino raggiungendo la stazione di Torrebelvicino, posta vicino alla chiesa, poi la fermata di Pievebelvicino, in prossimità del ponte stradale sul torrente Leogra. La linea quindi proseguiva sempre sulla sinistra orografica del torrente Leogra, passava un piccolo ponte sul torrente Gogna, poi presso il Quartiere Nuovo si raccordava con il lanificio Rossi di Schio e, arrivando parallela ai binari provenienti da Thiene, terminava alla stazione di Schio.

Unknown route-map component "exENDEa"
0,000 Lanificio Rossi di Torrebelvicino
Unknown route-map component "exBHF"
0,097 Torrebelvicino
Unknown route-map component "exHST"
1,420 Pievebelvicino
Unknown route-map component "exhKRZWae"
ponte sul torrente Gogna lungo 6 m
Unknown route-map component "exHST"
Quartiere Nuovo / Lanificio Rossi
Unknown route-map component "KBHFxa"
3,770 Schio
Unknown route-map component "CONTgq" Unknown route-map component "ABZrxl" Unknown route-map component "exCONTfq"
Linea per Vicenza / Linea per Rocchette

Locomotive e rotabili[modifica | modifica wikitesto]

Furono utilizzate le seguenti locomotive a vapore:

Stato attuale[modifica | modifica wikitesto]

È rimasto solo il percorso, trasformato in strada asfaltata, detta appunto "la ferrata", dall'ex piazzale della stazione (di Torrebelvicino, in prossimità della chiesa) all'ingresso del Nuovo Quartiere Operaio di Schio vicino all'incrocio con via Fusinieri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ E.M.Travi - L.M.Travi,Il paesaggio italiano della rivoluzione industriale: Crespi d'Adda e Schio. Ed.Dedalo, 1979
  2. ^ Prospetto cronologico dei tratti di ferrovia aperti all'esercizio dal 1839 al 31 dicembre 1926

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Chiericato Francesco Segalla, I treni delle lane: ferrovie tra Val Leogra e la Val d'Astico, Asiago, Editrice Bonomo, 1995.
  • Adriano Boschetti Silvino Marzotto, Partivano da Torrebelvicino le ferrovie della Val Leogra (articolo a pagina 199 nel volume "Terra e prodotti della Valleogra", parte 2, sentieri culturali n°6 - Comunità montana Leogra Timonchio), Schio, Edizioni Menin, 2006.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]