Ferdinando II Carafa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ferdinando II Carafa
Stemma dei Carafa della Stadera, con la caratteristica bilancia.

Ferdinando II Carafa della Stadera, duca di Nocera (XVI secoloNocera dei Pagani, 11 settembre 1593), fu il quinto conte di Soriano Calabro.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Alfonso Carafa, terzo duca di Nocera, e della nobildonna Giovanna Castriota Scanderbeg, rampollo della nobile famiglia napoletana dei Carafa della Stadera (o Caraffa), Ferdinando II fu il quarto duca di Nocera dei Pagani e il quinto conte di Soriano Calabro. Per successione materna ereditò anche il marchesato Civita Sant'Angelo.

Acquistò fama e rispetto combattendo al fianco di don Giovanni d'Austria nella battaglia di Lepanto al comando di tremila fanti.

Abile nel giostrare e nel toreare, si prodigò in opere di mecenatismo circondando la sua corte di letterati e scienziati. Per allargare il feudo di Nocera acquistò il 23 novembre 1584 la terra di Sanseverino, ma non avendo i soldi per pagarla dovette cedere il feudo alla madre già l'anno seguente.

Fece edificare presso la strada dell'Incoronata a Napoli (oggi via Medina), il Palazzo Carafa di Nocera.

Fu amico di Torquato Tasso, che gli dedicò una delle Rime d'occassione e d'encomio[1].

Sposò nell'ottobre del 1578 la nobildonna Anna Clarice Carafa, figlia di Antonio, terzo principe di Stigliano e terzo Duca di Mondragone, e di Ippolita Gonzaga dei Principi di Molfetta (che alla morte del primo marito si risposò col principe di Sansevero).

Ebbe molti figli, tra i quali si segnalano: Giovanna (13 ottobre 1579 - Riccia, 5 settembre 1609), che il 21 novembre 1600 sposò Vincenzo Luigi IV di Capua, primo principe della Riccia; e Francesco Maria Carafa (Nocera dei Pagani 1580 - Madrid 16 luglio 1642).

Morì l'11 settembre 1593, lasciando debiti per seicentomila ducati.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Torquato Tasso, Rime d'occassione e d'encomio, n. 1411, Al signor duca di Nocera libro quarto - parte seconda.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fortunato Teobaldo (a cura di), Nuceria, scritti in onore di Raffele Pucci, Postiglione (SA), 2006
  • Gennaro Orlando, Storia di Nocera de' Pagani, Napoli, 1888
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie