Ferdinando De Luca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il pianista, arrangiatore e compositore italiano, vedi Nando De Luca.
Ferdinando De Luca

Ferdinando De Luca (Serracapriola, 13 agosto 1785Napoli, 9 agosto 1869) è stato un geografo, matematico e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Deputato della Capitanata nel Parlamento napoletano del 1820, in cui fu uno dei quattro segretari dell'Assemblea, e del 1848 sotto Ferdinando II.

Scrisse trattati di geografia fisica ed economica, di cosmografia, di metrologia e di analisi matematica, incrementandone lo studio presso il Politecnico di Napoli.[1]

Quale riconoscimento ai suoi studi, nel 1839 l'ammiraglio ed esploratore Jules Dumont d'Urville diede il nome Isole de Luca alle isole che scoprì nel sud-ovest della Nuova Guinea.[2]

Opere (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

  • Geometria piana trattata con l'analisi geometrica degli antichi, Napoli, 1811.
  • Trigonometria analitica trattata con l'analisi cartesiana a due coordinate, Napoli, 1811.
  • I Nuovi elementi di geografia disposti secondo l'ordine naturale dell'insegnamento, Napoli, 1833.
  • Istituzioni elementari di geografia naturale, topografica, politica, astronomica, fisica e morale ordinata con nuovo metodo in otto periodi, Napoli, 1838.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luca (Ferdinando de), in Catalogo di una scelta biblioteca da vendere, Napoli, A. Trani, 1873, p. 23.
  2. ^ Ferdinando De Luca, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. Modifica su Wikidata.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN164130450 · ISNI (EN0000 0001 1716 4798 · LCCN (ENno2012051085 · BAV ADV10256507 · WorldCat Identities (ENno2012-051085