F.E.A.R. Extraction Point

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
F.E.A.R.-Extraction Point
Sviluppo TimeGate Studios
Pubblicazione Sierra Entertainment
Data di pubblicazione 27 ottobre 2006
Genere Sparatutto in prima persona
Tema Survival horror
Modalità di gioco Giocatore singolo, Multiplayer
Piattaforma Microsoft Windows, PlayStation 3, Xbox 360
Motore grafico Jupiter Extended (EX)
Motore fisico Havok
Supporto CD-ROM, DVD
Requisiti di sistema Windows XP/2000 con DirectX 9.0c,
Pentium 4 1.7 GHz o equivalente,
512 MB RAM, 5 GB spazio su hard disk,
scheda sonora DirectX 9.0 compatibile,
scheda video GeForce 4 Ti o
Radeon 9600 o equivalente
Periferiche di input Tastiera, mouse

F.E.A.R: Extraction Point è la prima espansione ufficiale di F.E.A.R., pubblicata il 27 ottobre 2006, che continua la storia narrata nel primo episodio. Questa volta, la squadra F.E.A.R., decimata dall'esperienza dei laboratori della Armacham, si dovrà preoccupare di fuggire dal luogo nel quale sono precipitati insieme al loro Black Hawk. Il giocatore dovrà cercare, contrastando sempre la bambina Alma, di raggiungere il punto di estrazione stabilito. Richiede parte dei file di F.E.A.R., di conseguenza non sarà possibile installarlo se non si possiede il primo episodio. Monolith Productions ha dichiarato che la storyline del gioco è considerata non-canonica nell'universo della serie.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Intervallo 1: Contaminazione[modifica | modifica wikitesto]

La trama dell'espansione inizia esattamente dove terminava con il gioco originale, dopo l'esplosione del laboratorio sotterraneo di Origin. L'Apripista è riuscito a scampare alla gigantesca esplosione e viene salvato da un Black Hawk, ma l'elicottero viene fatto precipitare da Alma. L'Apripista è riunito con Douglas Holiday e Jin Sun-Kwon. Essi indicano un punto di estrazione, istituito presso il tetto dell'Auburn Memorial Hospital, informando l'Apripista che non dovrebbe procedere oltre. Proseguendo, nella città deserta, esso incontra Fettel in una vicina chiesa, cosa inspiegabile, in quanto questi era stato ucciso nel precedente episodio. Paxton Fettel riattiva i Replicanti e sparisce.

Intervallo 2: In Volo[modifica | modifica wikitesto]

Nel frattempo, Jin viene catturata dai Replicanti, ma riesce a fuggire con la metropolitana verso l'ospedale. Il giocatore le va incontro attraverso dei magazzini insieme a Holiday, ma il compagno viene violentemente ucciso dalle sagome.

Intervallo 3: Discesa[modifica | modifica wikitesto]

Il giocatore è costretto a procedere solo attraverso la metropolitana. Durante il viaggio attraverso il tunnel, Alma, nella sua forma più giovane, libera in più occasioni la strada all'Apripista, uccidendo i replicanti che lo ostacolano. Le forze Replicanti decidono quindi di demolire il tunnel della metropolitana, nella speranza che il crollo intrappoli il giocatore. L'Apripista viene travolto, e catapultato dall'esplosione in un vicino parcheggio.

Intervallo 4: Malizia[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso del suo cammino, l'Apripista viene assalito dalle Armature Potenziate dei Replicanti. Dopo esser finalmente arrivato all'Auburn Memorial Hospital, il protagonista sente un urlo proveniente dal piano superiore. Egli irrompe nella stanza, solo per trovare tre spiriti galleggianti intorno al corpo di Jin senza vita.

Intervallo 5: Punto di Prelevamento[modifica | modifica wikitesto]

Adesso, combattendo solo per la sua sopravvivenza, l'Apripista raggiunge l'ascensore. Improvvisamente, si verifica una interruzione di corrente e deve trovare un modo per ripristinarla. Camminando intorno al buio seminterrato, il giocatore si ritrova in un'allucinazione, nella quale vede una serie di celle di detenzione, in cui sono imprigionate alcune vittime delle brutalità di Alma. Il protagonista vede la forma più giovane e quella più anziana di Alma che si riuniscono in una luce blu. Infine, l'Apripista restituisce corrente all'ospedale, e il sangue, prima abbondante sul pavimento e sulle pareti, è sparito.

[modifica | modifica wikitesto]

L'Apripista può così raggiungere il tetto dell'ospedale per mezzo dell'ascensore: qui trova Paxton Fettel. Questi gli rivela che non capisce la situazione, e scatena una squadra di Replicanti contro di lui. Dopo l'eliminazione dei Replicanti, un elicottero Black Hawk arriva per mettere in salvo l'Apripista, ma Fettel, con un mezzo sconosciuto, distrugge il velivolo. Il protagonista sbatte la testa, e perde i sensi. Al suo risveglio, vede l'intera città in fiamme. Il gioco si conclude con una frase di Paxton Fettel: "La guerra si avvicina, l'ho visto nei miei sogni. Fuoco sulla Terra. Cadaveri nelle strade. Città ridotte in polvere. Vendetta.".

Armi e granate[modifica | modifica wikitesto]

Il videogioco ha un ricco arsenale, con due armi in più rispetto al primo episodio. Eccone una breve descrizione.

  • Pistola AT-14: È la prima arma che viene messa a disposizione del giocatore. Una normale pistola. Essa ha una potenza di fuoco piuttosto debole, ma un'elevata precisione. Se ne possono usare anche due insieme, una per mano. Ogni caricatore contiene 18 colpi.
  • Mitragliatrice RPL: Ottima per sparare a ripetizione, ideale per distruggere folti gruppi di avversari; è però difficile da usare, in quanto ha un forte rinculo. Potenza di fuoco media per una normale mitragliatrice. Ogni caricatore contiene 50 colpi.
  • Fucile d'assalto G2A2: Ottima arma, simile alla mitragliatrice RPL, possiede una maggiore precisione e penetrazione. Viene spesso usata dai replicanti. Ogni caricatore contiene 45 colpi.
  • Fucile a pompa VK-12: Arma leggera e devastante, capace, se ben utilizzata di uccidere istantaneamente i nemici non dotati di armatura pesante. Ha una scarsa precisione dalla media e dalla lunga distanza. Ogni caricatore contiene 12 colpi.
  • Penetrator HV-10: Fucile che scaglia pallottole cilindriche dall'estremità appuntita, a grande velocità, che possiedono una grande penetrazione; ha anche un'ottima precisione. Ideale contro le armature pesanti. Ogni caricatore contiene 25 colpi.
  • Fucile ASP: Fucile da cecchino speciale che spara tre colpi in rapida successione. Include un mirino, ottimo per uccidere nemici da lunga distanza o dall'alto.
  • Cannone a ripetizione: Arma pesante, che rallenta molto colui che la trasporta. Spara devastanti colpi in rapida successione; possiede una discreta precisione, ma è raccomandabile né dalla media, né dalla breve distanza, in quanto provoca un'esplosione che potrebbe travolgere anche il giocatore. Ogni caricatore contiene 15 colpi.
  • Fucile a particelle laser Type 7: Arma con mirino che emette dei devastanti raggi capaci di uccidere più avversari in un sol colpo, trasformandoli in scheletri. Ogni caricatore contiene 10 colpi.
  • Lanciarazzi multiplo: Arma molto potente, lancia tre razzi in rapidissima successione, grazie alle canne rotanti. Ogni caricatore contiene 15 colpi.
  • Minigun TG-2A (introdotta in questo episodio): Arma formata da quattro canne rotanti, che le conferiscono una grande frequenza di fuoco, ha un'incredibile potenza da breve distanza e contro gruppi di nemici. Possiede un fortissimo rinculo. Può contenere fino a 900 colpi, e non può essere ricaricata. Raccogliendone una si aggiungono 350 proiettili al proprio arsenale.
  • Carabina laser Type-12 (introdotta in questo episodio): Emette un raggio laser continuo, molto potente contro nemici privi di armatura pesante. Non ha praticamente alcun rinculo, è molto leggera, e possiede una buona penetrazione. Ogni caricatore contiene 60 colpi, ma si svuota piuttosto rapidamente.

Si possono inoltre trasportare quattro tipi di granate. Esse sono:

  • Granata a frammentazione N6A3: Semplice granata, che esplode appena viene in contatto con un nemico
  • Mina di prossimità: Queste mine devono essere poste sul terreno, e rimangono disattivate finché un nemico non ne attraversa il breve raggio d'azione; solo allora la mina esplode.
  • Bomba a detonazione remota: Può aderire a qualunque superficie, compreso il corpo dei nemici, e viene fatta esplodere in qualunque momento dal giocatore grazie ad un telecomando.
  • Torretta dispiegabile (introdotta in questo episodio): Torretta automatica che aderisce su ogni superficie, ma non sui nemici, possiede una piccola mitragliatrice che si attiva non appena un nemico arriva nelle vicinanze. Può venire usata per distrarre gli avversari più difficili, ma può essere distrutta.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

La struttura di gioco è rimasta pressoché invariata rispetto a F.E.A.R., e alterna rapidi e violenti combattimenti a momenti di intensa esplorazione, spesso contornati da visioni e da allucinazioni di vario tipo. Quanto alle novità, sono stati aggiunti nuovi nemici, tre nuove armi, nuovi tipi di allucinazioni e nuove ambientazioni. Inoltre, si possono aprire le porte colpendole con il calcio dell'arma, con le mosse di arti marziali utilizzate dall'Apripista e con esplosivi di vario tipo. In questa espansione si trovano anche delle casse speciali con il logo Armacham, che possono essere distrutte per ottenere medikit e munizioni.

Da notare che sono stati migliorati alcuni aspetti del motore grafico, quindi, giocandolo su un PC con lo stesso livello qualitativo, Extraction Point gira a un frame rate più basso rispetto a F.E.A.R..

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vivendi Timeline - F.E.A.R. Wikia.


videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi