Evelyn Baring, I conte di Cromer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Evelyn Baring
LordCromer.jpg

Governatore Generale in Egitto
Durata mandato 1878 –
1879
Monarca Vittoria
Successore Edward Baldwin Malet

Console Generale d'Egitto
Durata mandato 11 settembre 1883 –
6 maggio 1907
Monarca Vittoria
Edoardo VII
Predecessore Edward Baldwin Malet
Successore Eldon Gorst

Dati generali
Suffisso onorifico Conte di Cromer
Università Royal Military Academy

Evelyn Baring, I conte di Cromer (Cromer, 26 febbraio 1841Londra, 29 gennaio 1917) è stato un ufficiale e politico britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era il nono figlio di Henry Baring, e della sua seconda moglie, Cecilia Anne Windham. La famiglia Baring discendeva da John (nato Johan) Baring, emigrato dalla Germania nel 1717. Il figlio di John, Sir Francis, è stato il fondatore della Barings Bank. Henry era il terzo figlio di Sir Francis. Quando morì nel 1848, Evelyn aveva 7 anni e fu mandato in collegio.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Quando aveva 14 anni, entrò nella Royal Military Academy, diplomandosi a 17 anni con il grado di un tenente della Royal Artillery e venne inviato sull'isola di Corfù.

Mentre era a Corfù, Baring divenne consapevole della sua mancanza di istruzione e iniziò a studiare il greco e l'italiano. Nel 1862, accettò una posizione come aiutante di campo di Sir Henry Storks, alto commissario delle Isole Ionie. Questa posizione si è conclusa nel 1864, con l'annessione di Corfù alla Grecia. Più tardi nel 1864, Storks fu nominato governatore di Malta, sempre impiegando Baring come aiutante di campo. L'anno successivo Baring accompagnato Storks in Giamaica, dove Storks guidò l'inchiesta ufficiale sulla rivolta di Morant Bay. Nel 1868, Baring entrò a far parte dello Staff College. In seguito lavorò per due anni nel Ministero della Guerra, contribuendo all'attuazione delle riforme post Guerra di Crimea.

Siccome non trovava di suo gradimento una carriera militare, Baring andò in India nel 1872 come segretario privato di suo cugino Lord Northbrook, viceré d'India, e rapidamente scoprì di avere un talento per l'amministrazione. Con le dimissioni di Northbrook nel 1876, Baring ritornò in Inghilterra. Nello stesso anno fu promosso a maggiore.

Regolatore Generale in Egitto[modifica | modifica wikitesto]

Quando Baring arrivò in Egitto nel 1877, le finanze del paese erano nel caos. Isma'il Pasha, aveva preso in prestito milioni di sterline da finanzieri europei per i progetti per costruire il Canale di Suez, il suo uso personale, e per coprire carenze fiscali persistenti[1]. Le sue finanze derivavano dal denaro ottenuto dall'industria del cotone egiziano, che fiorì durante il guerra civile americana. Ma dopo la guerra, siccome il cotone americano entrò nei mercati europei, ancora una volta, il prezzo del cotone egiziano scese drasticamente[2].

In un primo momento, Isma'il tentò di chiedere al parlamento di raccogliere più soldi tramite un aumento delle tasse, ma il parlamento respinse tale proposta, perché era costituito principalmente da grandi proprietari terrieri, che erano stati leggermente tassati. In preda alla disperazione, Isma'il si rivolse alle potenze europee per aiutarlo a risolvere i suoi problemi finanziari. Dopo alcune trattative il Dual Control venne istituito, per cui vennero nominati un francese e un regolatore britannico per sorvegliare le finanze dell'Egitto.

Ricoprendo tale carica, Baring ebbe un enorme successo nel servire gli interessi britannici.

Console Generale d'Egitto[modifica | modifica wikitesto]

La Rivolta di ʿOrābī, guidata da Aḥmad ʿOrābī, mise in pericolo la Chedivato. Dopo il successivo intervento da parte dei britannici ad Alessandria (del 1882 Guerra anglo-egiziano), Baring tornò dall'India in Egitto come Console generale. Le richieste di Baring di ritirare le truppe furono ostacolate dalla protesta dell'opinione pubblica britannica, quando nel 1881 rivolta del Mahdi Muhammad Ahmad e la conseguente Guerra mahdista causarono le successive sconfitte e le morti del colonnello William Hicks e del generale

Primo atto di Baring come console generale è stato quello di approvare la relazione Dufferin, che in sostanza creò un parlamento senza potere. Stabilì un nuovo principio guida per l'Egitto conosciuta come la Dottrina Granville (dal nome del ministro degli esteri, Lord Granville). La dottrina ha consentito a Baring e altri funzionari britannici di licenziare i ministri egiziani che si sono rifiutati di accettare le direttive britanniche. Sotto Baring, i funzionari britannici vennero messi in ministeri chiave. In sostanza, il governo era una facciata dove i funzionari britannici tenevano il potere. L'esercito egiziano, che Baring considerava del tutto inaffidabile a causa dei suoi precedenti ammutinamenti contro il Chedivato, era stato sciolto e fu organizzato un nuovo esercito con linee britanniche. Con una gestione attenta (e spesso avara) del bilancio, oltre alla promozione di progetti di irrigazione, portò una notevole prosperità economica in Egitto.

Matrimoni[modifica | modifica wikitesto]

Primo Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, il 28 giugno 1876, Ethel Errington (decesso 16 ottobre 1898), figlia di Sir Rowland Errington, XI Baronetto. Ebbero due figli:

Lady Katherine Thynne, 1906.

Secondo Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, il 22 ottobre 1901, Lady Katherine Thynne (22 luglio 1865-4 marzo 1933), figlia di John Thynne, IV marchese di Bath. Ebbero un figlio:

Ritratto del conte di Cromer, di John Singer Sargent.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Baring tornò in Gran Bretagna all'età di 66 anni, e passò un anno per riacquistare la sua salute. Nel 1908, pubblicò un libro, in due volumi, Modern Egypt, una narrazione di eventi in Egitto e Sudan dal 1876. Nel 1910 pubblicò Ancient and Modern Imperialism, un confronto autorevole tra l'impero romano e inglese. Nel 1915, in seguito alla deposizione di Abbas II, Baring fu libero di pubblicare le sue impressioni su di lui.

Amante dei classici, Baring sapeva leggere e parlava greco, latino, italiano, francese e turco, ma non prese mai la briga di imparare l'arabo (la lingua delle classi inferiori in Egitto).

Baring era attivo in politica. Dopo essere stato creato conte di Cromer nel 1892, Baring aveva il diritto di sedere nella Camera dei lord. Si unì l'ala di libero scambio del partito unionista. Era un leader della causa anti-suffragette, che servì come presidente della Men's League for Opposing Woman Suffrage (1908, 1910-1912) e per National League for Opposing Woman Suffrage. Nel 1916, è stato nominato alla Commissione Dardanelli, ma morì il 29 gennaio 1917.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ""Tranne i £16,000,000 spesi per la costruzione del Canale di Suez, tutto il denaro preso in prestito in quel periodo 'è stato sperperato'." 21 March 1908, "LORD CROMER'S WORK IN EGYPT; Great Proconsul Tells the Story of Reforms in Administration and of Signal Advance Under British Occupation and Control. KHARTOUM AND GORDON'S DEATH. Fixing Responsibility for the Series of Fatal Blunders in the Soudan. LORD CROMER'S WORK IN EGYPT." New York Times
  2. ^ Al-Sayyid Marsot, Afaf Lutfi. A History of Egypt. Cambridge University Press: Cambridge, UK. 2007.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Owen, Roger (2004). Lord Cromer: Victorian Imperialist, Edwardian Proconsul. Oxford: Oxford University Press. ISBN 0-19-925338-2.
  • Meyer, Karl E. and Shareen Blair Brysac "Kingmakers: the Invention of the Modern Middle East." New York, London, W.W. Norton 2008. ISBN 978-0-393-06199-4

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN9879377 · ISNI: (EN0000 0001 0855 0304 · LCCN: (ENn50017861 · GND: (DE11766474X · BNF: (FRcb121160964 (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie