Royal Military Academy di Woolwich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Royal Military Academy (Woolwich))
La RMA di Woolwich, usata dal 1806 al 1939

La Royal Military Academy di Woolwich (RMA), città situata a sud-est di Londra, era una accademia militare dell'esercito britannico per l'istruzione degli ufficiali della Royal Artillery e dei Royal Engineers. Successivamente furono istruiti lì gli ufficiali dei Royal Corps of Signals e di altri corpi tecnici.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Royal Military Academy Woolwich fu fondata nel 1741: era stata costruita per educare e produrre "buoni ufficiali di Artiglieria e ingegneri perfetti". Prima di diventare accademia la scuola di Woolwich era comunemente conosciuta come "Il negozio", perché il suo primo edificio era un'officina del Woolwich Arsenal, poi convertita per ospitarlo. A trasformare il precedente istituto fu il primo direttore (Chief Master) John Müller,[1] matematico e architetto militare tedesco che convertì la scuola in una accademia di cadetti insieme al matematico britannico Thomas Simpson.[2] Un edificio più grande fu progettato specificamente per l'RMA da James Wyatt, costruito fra il 1796 e il 1805 e aperto per l'uso l'anno seguente.

L'RMA Woolwich chiuse nel 1939 e nel 1947 fu fondata la Royal Military Academy Sandhurst sul luogo del vecchio Royal Military College a Sandhurst (che precedentemente aveva formato ufficiali solo per la fanteria e la cavalleria) con l'obiettivo di provvedere alla formazione di ufficiali per tutti gli eserciti e i servizi.

Durkan Group comprò il terreno del Woolwich da un'asta pubblica nel 2006. Gli edifici di Woolwich da allora sono stati cambiati ed estesi in 334 case ed appartamenti, di cui 150 per una housing association.

Comandanti[modifica | modifica wikitesto]

Insegnanti degni di nota[modifica | modifica wikitesto]

Gli insegnanti degni di nota a Woolwich includono:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Niccolò Guicciardini, The Development of Newtonian Calculus in Britain, 1700-1800, Cambridge University Press, 2003, p. 109.
  2. ^ (EN) A. W. Skempton, A Biographical Dictionary of Civil Engineers in Great Britain and Ireland: 1500-1830, Thomas Telford, 2002, ISBN 0727735543.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]