Euzone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Euzoni.
Il cambio della guardia alla tomba del Milite Ignoto.
Euzones in Epiro nel 1913, durante la prima guerra balcanica

Gli euzoni (in greco; Εύζωνοι, oppure Εύζωνες, ο εύζωνος al singolare, ovvero "leggeri", "pronti"; letteralmente: "ben cinti") sono soldati scelti di fanteria da montagna dell'esercito greco. Costituiscono la guardia d'onore del palazzo presidenziale di Atene e, dal 1974, hanno un ruolo prevalentemente cerimoniale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli euzoni ebbero origine in Epiro e presero parte, inquadrati in reparti, alla guerra d'indipendenza greca. Parteciparono alla guerra greco-turca del 1897, alla prima guerra balcanica (1912-1913), alla Guerra greco-turca del 1919-1922, e alla seconda guerra mondiale, distinguendosi al passo di Metsovo nel novembre 1940.

Dopo la seconda guerra mondiale, è rimasto in vita un solo reparto della guardia reale (poi presidenziale).

Divisa[modifica | modifica wikitesto]

Sono noti per la loro caratteristica divisa: fez in panno rosso con nappa di seta nera; camicia bianca di cotone con ampie maniche; gilet nero con ricchi ricami in filo bianco e dorato; fustanella, gonnellino bianco ricavato da un tessuto di trenta metri sul quale sono praticate quattrocento pieghe (a ricordo degli anni di oppressione turca); calzamaglia bianca (rossa per gli ufficiali); cintura di cuoio con cartucciera; giarrettiere nere; pantofole in pelle rossa con punta ricurva e pompon nero; mantello blu (divisa invernale) o cachi (uniforme estiva).

Compiti[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1974 loro compiti sono quelli di: presiedere alla guardia d'onore al palazzo presidenziale e al monumento al Milite Ignoto; partecipare alle cerimonie ufficiali dell'alzabandiera e dell'ammainabandiera della Bandiera posta sull'Acropoli di Atene; rendere gli onori al presidente della Repubblica, ai capi di Stato stranieri e ai loro rappresentanti; scortare il capo di Stato greco nelle sue visite ufficiali all'estero.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]