Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Eutimio l'Atonita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Eutimio l'Atonita
St Euthymius of Athos (Akhtala fresco).JPG

monaco, abate, teologo

Nascita Georgia, 955
Morte Monte Athos, 13 maggio 1028
Venerato da Chiesa cristiana ortodossa
Ricorrenza 13 maggio

Eutimio l'Atonita, conosciuto anche come Eutimio dell'Abasgian o Eutimio il georgiano, in georgiano ექვთიმე ათონელი (=Ekvtime Atoneli) (Georgia, 955Monte Athos, 13 maggio 1028), è stato un monaco cristiano georgiano.

Figlio di Giovanni Varaz-vache Chordvaneli e nipote del generale georgiano Tornike Eristavi, Eutimio fu preso ostaggio in giovane età a Costantinopoli; con l'intervento del padre venne rilasciato e con il padre si ritirò a vita eremitica sul Monte Athos, presso la lavra di Sant'Atanasio l'Atonita. Con il padre e lo zio materno fu il promotore e il costruttore della Lavra di Iviron di cui più tardi divenne il superiore e fu riconosciuto come uno dei più fini teologi d'oriente del suo tempo.

Molto dotato nelle lingue, fu traduttore in georgiano di molti testi greci: gli sono riconosciuti circa centosessanta traduzioni dal greco, tra cui testi di Basilio il Grande, di Giovanni Climaco e i commenti ai Vangeli di Giovanni Crisostomo, alcuni assegnano a lui anche la traduzione di Sibrdzne Balavarisa, una versione cristianizzata di episodi della vita del Budda che più tardi divenne celebre con il titolo di Barlaam e Iosafat.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN67861844 · LCCN: (ENn84051767 · GND: (DE100970575 · CERL: cnp00167561
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie