Esuperanzio di Ravenna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Esuperanzio di Ravenna
Altare fatto con l'Urna di Sant'Esuperanzio nel Duomo di Ravenna
Altare fatto con l'Urna di Sant'Esuperanzio nel Duomo di Ravenna

Vescovo

Nascita V secolo
Morte circa 477
Venerato da Chiesa cattolica
Ricorrenza 29 maggio

Esuperanzio di Ravenna (... – 477) è stato vescovo di Ravenna, venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Esuperanzio fu vescovo di Ravenna dal 468 (circa). Ha guidato la diocesi ravennate vivendo nel periodo che coincise con la conquista della città da parte di Odoacre e la successiva caduta dell'Impero romano d'Occidente.

Esuperanzio era noto non solo per il suo carisma, ma per la sua grande carità. Morì nel 477 e venne sepolto nella chiesa di Sant'Agnese a Ravenna. Quando questa chiesa fu distrutta, la sua urna venne traslata nel duomo di Ravenna. Successivamente, l'urna è divenuta un altare nella seconda cappella della navata di destra.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il Martirologio Romano, il giorno dedicato al santo è il 29 maggio:

« A Ravenna sant’Esuperanzio, vescovo, che governò con prudenza questa Chiesa, al tempo in cui il re Odoacre si impadronì dell’Italia e della città »
(Martirologio Romano)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Ravenna Successore BishopCoA PioM.svg
Neone ca. 468 - maggio 477 Giovanni I Angelopte