Basilica di Sant'Agnese (Ravenna)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Basilica di Sant'Agnese
StatoItalia Italia
LocalitàRavenna
Religionecattolica
TitolareSant'Agnese
DiocesiArcidiocesi di Ravenna-Cervia
CompletamentoV secolo
Demolizione1808

La Basilica di Sant'Agnese è un edificio di culto scomparso della città di Ravenna, anticamente situato nell'attuale piazza Kennedy[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu fatta erigere verosimilmente intorno all'anno 439[senza fonte] dal vescovo Esuperanzio e dal fratello Gemello. Presso il presbiterio trovarono riposo le spoglie mortali del Vescovo collocate sotto una lastra di porfido profanate e traslate in Duomo l'anno 1809.

Era un edificio a tre navate prospiciente l'antico Foro dell'oppidum ravennate, decorata con musaici e marmi sectili.

Il complesso ecclesiastico comprendeva un chiostro adibito a lapidario, una torre campanaria a base quadrata ed un adica addossata alla facciata.

L'edifico subì numerosi rimaneggiamenti in epoca medievale e rinascimentale sino alla riduzione ad una sola nave nel XVII secolo e la profanazione ad uso abitativo dopo le soppressioni napoleoniche.

I ruderi della navata maggiore e di alcune arcate erano ancora visibili nel 1938 all'alba dei lavori di bonifica dell'intero isolato ad uso di piazza destinata al locale mercato.

Nel 2015 durante dei lavori in piazza Kennedy furono rinvenuti i resti della basilica[1]. Nel 2016 i resti sono stati ricoperti[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]