Basilica di Sant'Agnese (Ravenna)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Basilica di Sant'Agnese è un edificio di culto scomparso della città di Ravenna della cui esistenza si hanno prove documentarie ed archeologiche. Fu fatta erigere verosimilmente intorno all'anno 439 dal vescovo Exuperanzo e dal fratello Gemello. Presso il presbiterio trovarono riposo le spoglie mortali del Vescovo collocate sotto una lastra di porfido profanate e traslate in Duomo l'anno 1809.

Era un edificio a tre navate prospiciente l'antico Foro dell'oppidum ravennate, decorata con musaici e marmi sectili.

Il complesso ecclesiastico comprendeva un chiostro adibito a lapidario, una torre campanaria a base quadrata ed un adica addossata alla facciata.

L'edifico subì numerosi rimaneggiamenti in epoca medievale e rinascimentale sino alla riduzione ad una sola nave nel XVII secolo e la profanazione ad uso abitativo dopo le soppressioni napoleoniche.

I ruderi della navata maggiore e di alcune arcature erano ancora visibili nel 1938 all'alba dei lavori di bonifica dell'intero isolato ad uso di piazza destinata al locale mercato.