Francesco Lanzoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Lanzoni

Francesco Lanzoni (Faenza, 10 luglio 1862Faenza, 8 febbraio 1929) è stato uno storico e presbitero italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Faenza nel 1862. Studiò dapprima presso il seminario diocesano e in seguito presso il Seminario Pio di Roma, dove si distinse come un alunno particolarmente brillante, laureandosi in filosofia, in teologia e in utroque iure. Tornato a Faenza e ordinato sacerdote, diventò presto direttore del seminario e intraprese una radicale opera di svecchiamento dei metodi di insegnamento, in un confronto con la modernità libero da forzature confessionali. Fra i suoi discepoli più in vista in ambito locale: Lamberto Caffarelli e Carlo Mazzotti.

Intanto la sua attività di studioso procedeva avendo per oggetto soprattutto la storia locale e l'agiografia, con una particolare attenzione per le origini delle chiese locali e la diffusione del cristianesimo. Nel suo monumentale lavoro di revisione scientifica di miti apologetici e tradizioni non documentate, trovò forti opposizioni negli ambienti ecclesiastici più retrivi, tanto che dovette difendersi più volte dall'accusa di modernismo.

Lasciò nel 1917 la direzione del seminario per dedicarsi completamente agli studi che gli diedero celebrità nazionale e internazionale. Fu avverso al fascismo, ma favorevole al Concordato fra Stato e Chiesa, che si realizzò appena tre giorni dopo la sua morte, avvenuta l'8 febbraio 1929.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

La Bibliografia completa delle opere di Francesco Lanzoni, curata cinque anni dopo la sua morte dal nipote Evangelista Valli, elenca ben 670 titoli, in gran parte dispersi fra periodici vari. Ricordiamo qualcuno fra i titoli più significativi:

  • Le origini delle diocesi d'Italia, Tip. Poliglotta Vaticana, Roma, 1923;
  • Genesi, svolgimento e tramonto delle leggende storiche, Tip. Poliglotta Vaticana, Roma, 1925;
  • Scritti politici (1899-1929), a cura e con introduzione di Lorenzo Bedeschi, Morcelliana, Brescia, 1964;
  • Memorie, Stabilimento grafico F. Lega, Faenza, 1930.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • E. Valli, L'opera di Francesco Lanzoni. Bibliografia degli scritti e note, Stab. Grafico F.lli Lega, Faenza 1934.
  • Nel centenario della nascita di Mons. Francesco Lanzoni: atti del Congresso di Studi, Faenza, 17-18 maggio 1963, Stab. Grafico F.lli Lega, Faenza 1964.
  • G. G. Fagioli Vercellone, Lanzoni Francesco, in "Dizionario Biografico degli Italiani", vol. 63, Istituto della Enciclopedia italiana, Roma, 2004.
  • M. Ferrini, Cultura, verità e storia : Francesco Lanzoni (1862-1929), Il Mulino, Bologna, 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN107533913 · ISNI (EN0000 0000 7772 5641 · SBN IT\ICCU\RAVV\008063 · LCCN (ENn2005012759 · GND (DE140873066 · BNF (FRcb128069284 (data) · BAV ADV10185833
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie