Ervin László

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ervin László

Ervin László (Budapest, 12 giugno 1932) è un filosofo e pianista ungherese, considerato il fondatore della teoria dei sistemi. È stato candidato due volte (2004 e 2005) al premio Nobel per la pace, nel 2001 ha ricevuto il Goi Award e nel 2005 il Mandir of Peace Prize.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È nato a Budapest da una modesta famiglia ungherese. Il padre faceva il calzolaio, mentre la madre era una pianista.

Già a 5 anni seguì le orme della madre, per arrivare a suonare, all'età di 9 anni, con l'orchestra sinfonica di Budapest. Dopo la seconda guerra mondiale lasciò l'Ungheria per gli Stati Uniti.

Nel 1956 ha sposato Carita Jägerhorn af Spurila con la quale ha avuto due figli.

Nel 1993, a seguito di una sua esperienza nel Club di Roma, fonda il Club di Budapest.

È stato direttore dello United Nations Institute for Training and Research (UNITAR), ed è attualmente consulente del Direttore Generale dell'UNESCO, oltre ad essere membro dell'accademia ungherese delle scienze.

Bibliografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

  • The Immortal Mind: Science and the Continuity of Consciousness Beyond the Brain, con Anthony Peake (Inner Traditions, 2014), trad. Mente immortale. La scienza e la continuità della coscienza oltre il cervello (Il Punto d'Incontro, 2016)
  • Quantum Shift in the Global Brain: How the New Scientific Reality Can Change Us and our World (Inner Traditions, 2008), trad. Worldshift: scienza, società e nuova realtà (Franco Angeli, 2008)
  • The Chaos Point: The World at the Crossroads (Hampton Press, 2006), trad. Il punto del caos. Guerre, catastrofi naturali, sistemi sociali in difficoltà: che cosa fare prima che sia troppo tardi? (Urra, 2007)
  • Science and the Reenchantment of the Cosmos: The Rise of the Integral Vision of Reality (Inner Traditions, 2006), trad. Risacralizzare il cosmo. Per una visione integrale della realtà (Urra, 2008)
  • Science and the Akashic Field: An Integral Theory of Everything (Inner Traditions, 2004), trad. La scienza e il campo akashico (Urra, 2009)
  • You Can Change the World: The Global Citizen's Handbook for Living on Planet Earth: A Report of the Club of Budapest (Select Books, 2003), trad. Tu puoi cambiare il mondo. Istruzioni per l'uso del XXI secolo (Riza, 2003)
  • The Connectivity Hypothesis: Foundations of an Integral Science of Quantum, Cosmos, Life, and Consciousness (State University of New York Press, 2003)
  • Holos, trad. Olos.Il nuovo mondo della scienza (Riza, 2002)
  • The age of bifurcation, trad. Il pericolo e l'opportunità (Sperling & Kupfer, 1992, Aracne, 2008)
  • L'uomo e l'universo (Di Renzo, 2002)
  • Third Millennium, trad. Terzo millennio (Corbaccio, 1998)
  • Evolution: The General Theory (Hampton Press), trad. Evoluzione (Feltrinelli, 1986)
  • The Whispering Pond: A Personal Guide to the Emerging Vision of Science (Element Books, 1996)
  • The Systems View of the World: A Holistic Vision for Our Time (Hampton Press), trad. La visione sistemica del mondo (Gruppo editoriale Insieme, 1991)
  • The inner limits of mankind, trad. I limiti interni della natura umana (Feltrinelli, 1990)
  • Aux racines de l'univers, trad. Alle radici dell'universo (Sperling & Kupfer, 1993)
  • Goals for mankind, trad. Obiettivi per l'umanità (Edizioni scientifiche e tecniche Mondadori, 1978)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7591760 · ISNI (EN0000 0001 0867 5369 · LCCN (ENn79076033 · GND (DE115496890 · BNF (FRcb11911227w (data)