Ertha Pascal-Trouillot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ertha Pascal-Trouillot
Presidente Ertha Pascale Trouillot.jpg

Presidente di Haiti
ad interim
Durata mandato 13 marzo 1990 –
7 febbraio 1991
Predecessore Hérard Abraham (ad interim)
Successore Jean-Bertrand Aristide

Presidente della Corte suprema
Durata mandato 1988 –
1990
Predecessore Rock Raymond
Successore Émile Jonassaint

Giudice della Corte suprema
Durata mandato 1975 –
1988

Dati generali
Partito politico Ind.
Titolo di studio Laurea in legge
Università University of Haiti
Professione Avvocato

Ertha Pascal-Trouillot (Pétion-Ville, 13 agosto 1943) è una politica e giudice haitiana, prima donna ad esser stata Presidente di Haiti ad interim tra il 1990 e il 1991.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Pétion-Ville, nel dipartimento dell'Ovest, nei pressi della capitale Port-au-Prince, suo padre Thimocles Pascal lavorava come operaio e morì quando lei era ancora giovane, mentre la madre Louise Dumornay era una sarta e ricamatrice. Era nona tra i dieci figli della coppia.[1]

All'età di 10 anni lei e uno dei suoi fratelli furono mandati a studiare presso il liceo François Duvalier, dove incontrerà il suo futuro marito, allora ventunenne, Ernst Trouillot. Proprio Trouillot la convincerà a studiare legge all'università[1], infatti nel 1971 conseguì la laurea in legge presso l'École de Droit di Gonaïves.

Nel corso degli anni '70 e '80 servì come giudice in diverse corti federali, quando nel 1975 fu nominata dal Ministro della giustizia François Latortue come giudice della Corte suprema, assumendo nel 1988 la carica di Presidente della Corte, prima donna nella storia del paese a ricoprire tale incarico.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

In seguito alle proteste scoppiate nel paese, che hanno portato all'esilio del Presidente Prosper Avril, il potere fu temporaneamente mantenuto dal tenente Hérard Abraham, che dopo appena tre giorni rassegnò le proprie dimissioni. Pascal-Trouillot, in qualità di Presidente della Corte suprema, fu quindi nominata Presidente della nazione ad interim e le fu affiancato un Consiglio di Stato composto da 19 membri, al fine di guidare Haiti verso le elezioni presidenziali, che si terranno tra il 1990 e il 1991.

Nella notte tra il 6 e il 7 gennaio 1991, circa un mese prima che avvenisse il giuramento del presidente, Roger Lafontant guidò un fallimentare colpo di Stato. Il neoletto presidente Jean-Bertrand Aristide ordinò l'arresto di Pascal-Trouillot, accusandola di aver organizzato il colpo di Stato. Fu rilasciata poco tempo dopo grazie all'intercessione della popolazione e di alcuni rappresentanti diplomatici.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Joseph B. Treaster, Woman in the News; Firm Leader For Haitians Ertha Pascal-Trouillot, in The New York Times, 15 marzo 1990. URL consultato il 10 aprile 2020.
  2. ^ (FR) Ertha Pascal-Trouillot, avocate, magistrate et femme politique (1934-), su scienceetbiencommun.pressbooks.pub. URL consultato il 10 aprile 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN50538694 · ISNI (EN0000 0000 7995 3381 · LCCN (ENn81003458 · WorldCat Identities (ENlccn-n81003458