Ernesto Costantino d'Assia-Philippsthal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Ernesto Costantino
Ernesto Costantino d'Assia-Philippsthal in un ritratto d'epoca
Langravio d'Assia-Philippsthal
Stemma
Stemma
In carica15 febbraio 1816 –
25 dicembre 1849
PredecessoreLuigi
SuccessoreCarlo II
NascitaPhilippsthal, 8 agosto 1771
MorteMeiningen, 25 dicembre 1849
Casa realeCasato d'Assia
PadreGuglielmo d'Assia-Philippsthal
MadreUlrica Eleonora d'Assia-Philippsthal-Barchfeld
ConsortiLuisa di Schwarzburg-Rudolstadt
Carolina d'Assia-Philippsthal
FigliFerdinando
Carlo
Francesco
Vittoria
Religionecalvinismo

Ernesto Costantino d'Assia-Philippsthal (Philippsthal, 8 agosto 1771Meiningen, 25 dicembre 1849) fu langravio d'Assia-Philippsthal dal 1816 al 1849.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Guglielmo era il figlio minore di Guglielmo d'Assia-Philippsthal e di sua moglie, Ulrica Eleonora d'Assia-Philippsthal-Barchfeld.

Sino al 1796 egli fu ufficiale nell'esercito olandese. Nel 1797 acquisì la famosa manifattura di porcellane di Volkstedt (un sobborgo di Rudolstadt), divenendo imprenditore ed abbandonando temporaneamente la carriera militare. Scopertosi inadatto alla conduzione degli affari, vendette l'attività due anni più tardi.

Dopo che nel 1806 i domini della sua casata vennero occupati dalle truppe napoleoniche ed annesse temporaneamente al Regno di Vestfalia, al contrario di suo padre che scelse l'esilio, egli rimase e nel 1808 divenne gran ciambellano di Girolamo Bonaparte, re di Vestfalia. Dopo la dissoluzione del regno di Vestfalia, assistette alla restaurazione di suo fratello Luigi al trono, sancita dal congresso di Vienna. Nel 1816, succedette al fratello alla sua morte, non avendo questi avuto eredi e riprese contemporaneamente anche il servizio attivo nell'esercito olandese, ove venne nominato generale.

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Sposò il 10 aprile 1796 a Rudolstadt la principessa Luisa (1775-1808), figlia del principe Federico Carlo di Schwarzburg-Rudolstadt (1736-1793), dalla quale ebbe i seguenti figli:

  • Federico Guglielmo (1797-1797)
  • Ferdinando (1799-1837)
  • Giorgio Gustavo (1801-1802)
  • Carlo II (1803-1868), langravio d'Assia-Philippsthal, sposò nel 1845 la duchessa Maria di Württemberg (1818-1888)
  • Francesco (1805-1861), creato barone di Falkener nel 1841, sposò nel 1841 morganaticamente, Mary Catharine Kohlmann (1819-1904)

Alla morte della prima moglie, si risposò il 17 febbraio 1812 a Kassel con sua nipote Carolina (1793-1872), figlia di suo fratello maggiore Carlo. Da questo matrimonio nacquero due figli:

  • Vittoria (1812-1837)
  • Guglielmo Edoardo (1817-1819)

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
8. Filippo d'Assia-Philippsthal 16. Guglielmo VI d'Assia-Kassel  
 
17. Edvige Sofia di Brandeburgo  
4. Carlo I d'Assia-Philippsthal  
9. Caterina Amalia di Solms-Laubach 18. Carlo Ottone di Solms-Laubach  
 
19. Amoena Elisabetta di Bentheim-Tecklenburg  
2. Guglielmo d'Assia-Philippsthal  
10. Giovanni Guglielmo di Sassonia-Eisenach 20. Giovanni Giorgio I di Sassonia-Eisenach  
 
21. Giovannetta di Sayn-Wittgenstein  
5. Carolina Cristina di Sassonia-Eisenach  
11. Cristina Giuliana di Baden-Durlach 22. Carlo Gustavo di Baden-Durlach  
 
23. Anna Sofia di Brunswick-Wolfenbüttel  
1. Ernesto Costantino d'Assia-Philippsthal  
12. Filippo d'Assia-Philippsthal (= 8) 24. Guglielmo VI d'Assia-Kassel (= 16)  
 
25. Edvige Sofia di Brandeburgo (= 17)  
6. Guglielmo d'Assia-Philippsthal-Barchfeld  
13. Caterina Amalia di Solms-Laubach (= 9) 26. Carlo Ottone di Solms-Laubach (= 18)  
 
27. Amoena Elisabetta di Bentheim-Tecklenburg (= 19)  
3. Ulrica Eleonora d'Assia-Philippsthal-Barchfeld  
14. Lebrecht di Anhalt-Zeitz-Hoym 28. Vittorio Amedeo di Anhalt-Bernburg  
 
29. Elisabetta di Zweibrücken  
7. Carlotta Guglielmina di Anhalt-Bernburg-Schaumburg-Hoym  
15. Eberardina Giacoma di Weede 30. Giovanni Giorgio di Weede  
 
31. Agnese Margherita di Raesfeld  
 

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Leone d'oro (Assia-Kassel) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine del Leone d'oro (Assia-Kassel)
Cavaliere dell'Ordine al merito militare dell'Assia (Granducato d'Assia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al merito militare dell'Assia (Granducato d'Assia)
Cavaliere dell'Ordine Imperiale di Sant'Aleksandr Nevskij (Impero russo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Imperiale di Sant'Aleksandr Nevskij (Impero russo)
Cavaliere di II classe dell'Ordine di San Vladimiro (Impero russo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di II classe dell'Ordine di San Vladimiro (Impero russo)
Cavaliere di I Classe dell'Ordine di Sant'Anna (Impero russo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine di Sant'Anna (Impero russo)
Cavaliere di IV Classe dell'Ordine Imperiale di San Giorgio (Impero russo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di IV Classe dell'Ordine Imperiale di San Giorgio (Impero russo)
Spada d'oro al coraggio (Impero russo) - nastrino per uniforme ordinaria Spada d'oro al coraggio (Impero russo)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Aquila Rossa (Regno di Prussia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Aquila Rossa (Regno di Prussia)
Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite (Regno di Prussia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite (Regno di Prussia)
Cavaliere di giustizia dell'Ordine di San Giovanni del baliaggio di Brandeburgo - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di giustizia dell'Ordine di San Giovanni del baliaggio di Brandeburgo

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Langravio d'Assia-Philippsthal Successore
Luigi 1816-1849 Carlo II
Controllo di autoritàVIAF (EN157147094986625081307 · GND (DE111076619X · WorldCat Identities (ENviaf-157147094986625081307
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie