Ermanno Benocci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ermanno Benocci

Deputato della Repubblica Italiana
Durata mandato 13 dicembre 1966 –
17 dicembre 1969
Legislature IV, V
Gruppo
parlamentare
PCI
Circoscrizione Siena-Arezzo-Grosseto
Sito istituzionale

Sindaco di Sorano
Durata mandato giugno 1956 –
dicembre 1960
Predecessore Ivo Dominici
Successore Silvio Baldini

Durata mandato 1980 –
1983
Predecessore Alberto Cerreti
Successore Giorgio Rossi

Durata mandato 17 maggio 1990 –
26 aprile 2004
Predecessore Domenico Barbini
Successore Pierandrea Vanni

Dati generali
Partito politico Partito Comunista Italiano
Partito Democratico della Sinistra
Democratici di Sinistra
Titolo di studio diploma di scuola media
Professione impiegato

Ermanno Benocci (Sorano, 25 giugno 1930Sorano, 26 aprile 2004) è stato un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iscritto al Partito Comunista Italiano, fu sindaco di Sorano dal 1956 al 1960, deputato alla Camera dal 1966 al 1969, vicepresidente della Provincia di Grosseto dal 1970 al 1980 e di nuovo sindaco del suo comune natale dal 1980 al 1983.[1][2]

Presentatosi alle elezioni regionali del 1980 per il Consiglio regionale della Toscana, ottenne 4 296 preferenze, risultando il primo dei non eletti nella sua circoscrizione; nel maggio 1983 subentrò a Renato Pollini dopo le dimissioni da consigliere di quest'ultimo.[2]

Nel maggio 1990 fu nuovamente eletto sindaco di Sorano, carica che mantenne per altri due mandati fino alla morte avvenuta il 26 aprile 2004; durante la sua vita fu primo cittadino del comune maremmano per un totale di ventuno anni (cinque mandati).[3][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ermanno Benocci, su storia.camera.it. URL consultato il 9 settembre 2019.
  2. ^ a b Benocci Ermanno, su consiglio.regione.toscana.it. URL consultato il 9 settembre 2019.
  3. ^ Ermanno Benocci, su amministratori.interno.gov.it. URL consultato il 9 settembre 2019.
  4. ^ Sindaco di Sorano ucciso da infarto (Il Tirreno), 27 aprile 2004. URL consultato il 9 settembre 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Ermanno Benocci, su storia.camera.it. URL consultato il 9 settembre 2019.
  • Benocci Ermanno, su consiglio.regione.toscana.it. URL consultato il 9 settembre 2019.
  • Ermanno Benocci, su amministratori.interno.gov.it. URL consultato il 9 settembre 2019.