Epitheria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Epitheria
Kaninchen.jpg
Oryctolagus cuniculus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria

Epitheria (non ha rango)

Ordini e cladi

Il raggruppamento Epitheria comprende tutti i mammiferi euteri, ad eccezione degli Xenarthra. Sono caratterizzati principalmente dalla presenza di una staffa a forma di staffa nell'orecchio medio, che permette il passaggio di un vaso sanguigno. Questa struttura è in contrasto con la staffa a forma di colonna dei marsupiali, dei monotremi e degli xenartri. Sono caratterizzati anche dalla presenza di una fibula più corta della tibia.

La monofilia degli Epitheria ha subito dei cambiamenti in seguito a studi filogenetici molecolari (Springer et al., 2004), ma Kriegs et al., 2006 e Svartman et al. 2006 hanno registrato la presenza del clade sulla base della forma della posizione dei retrotrasposoni di tutti i suoi membri.

Gli Epitheria apparvero nella prima parte del Cretaceo superiore. Prima della fine dell'era mesozoica erano già apparse forme ancestrali della maggior parte degli ordini viventi (come per esempio gli ungulati e gli insettivori). Dopo l'estinzione dei dinosauri non-aviari (agli inizi del Paleocene), esplose la diversità degli epiteri ed alla fine dell'Eocene erano già apparsi tutti gli ordini viventi di quest'infraclasse. Gli epiteri sono uno dei gruppi animali di maggior successo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Kriegs, Jan Ole, Gennady Churakov, Martin Kiefmann, Ursula Jordan, Juergen Brosius, and Juergen Schmitz. (2006) Retroposed Elements as Archives for the Evolutionary History of Placental Mammals. PLoS Biol 4(4): e91.[1]
  • Springer, Mark S., Michael J. Stanhope, Ole Madsen, and Wilfried W. de Jong. 2004. "Molecules consolidate the placental mammal tree". Trends in Ecology and Evolution, 19:430 – 438. (pdf version)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi