Episodi di Black Out - Vite sospese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
1leftarrow blue.svg Voce principale: Black Out - Vite sospese.

La serie televisiva italo-tedesca Black Out - Vite sospese, composta da 8 episodi, viene trasmessa in prima visione e in prima serata su Rai 1 dal 23 gennaio[1] al 6 febbraio 2023.

Titolo Prima TV
1 Il gioco del destino 23 gennaio 2023
2 Una scelta impossibile
3 Schegge di passato 24 gennaio 2023
4 Imprigionati nella valle
5 Episodio 5 30 gennaio 2023
6 Episodio 6
7 Episodio 7 6 febbraio 2023
8 Episodio 8

Il gioco del destino[modifica | modifica wikitesto]

Valle del Vanoi, Vigilia di Natale.

Il broker finanziario Giovanni Lo Bianco, dopo la morte della moglie, decide di prendersi una vacanza in un lussuoso hotel in Trentino nel tentativo di trovare un po' di serenità per sé e i due figli, Riccardo ed Elena. Quando scopre che in una baita nella stessa valle è nascosta Claudia Schneider, testimone di giustizia sotto protezione per aver assistito a un omicidio camorrista a Napoli, progetta di ucciderla per evitare che i suoi figli scoprano chi è veramente e che il castello di menzogne costruito attorno alla sua carriera crolli: egli è infatti il fratello di uno spietato boss mafioso, e pur avendo cambiato nome e cognome è ancora invischiato negli affari di famiglia.

Mentre i figli si divertono sulla neve, nel bosco Giovanni pedina Claudia, la quale sta cercando la figlia Anita, che è scappata perché stanca di fare la vita sotto protezione senza poter vivere una vita normale e che ha una relazione segreta con Lorenzo, figlio dei proprietari dell'hotel; l'uomo si accinge a spararle con un fucile rubato a un cacciatore, ma una valanga stravolge i suoi piani. Ritornato all'albergo, scopre che Riccardo è disperso insieme ad Anita e che Elena ha riportato un grave trauma cranico per cui l’unica a poterla curare è proprio Claudia, che in realtà è un primario di pronto soccorso. Giovanni non è più così sicuro di dover portare a termine il piano e si mette alla ricerca dei ragazzi insieme all'ex compagno di Claudia, Marco, arrivato anch'egli da poco in Trentino in vacanza con la sua nuova compagna Irene, infermiera, con l’intento di portare via Anita, chiamato proprio dalla figlia facendo saltare la loro copertura e obbligandole a un trasferimento d'urgenza in attesa del processo.

La valanga ha inoltre bloccato l'unico tunnel che permette l'accesso al paese, ha travolto l'auto del carabiniere che stava per portare Claudia e la figlia in una nuova località protetta e ha fatto saltare tutte le linee, per cui i soccorsi non possono arrivare alla valle nel breve periodo.

Una scelta impossibile[modifica | modifica wikitesto]

Un anno prima.

Giovanni riceve dal fratello Rocco, boss mafioso, l’incarico categorico di uccidere Claudia, poiché lei lo ha visto in faccia mentre uccideva in ospedale un suo ex scagnozzo che voleva denunciarlo, costringendolo quindi alla latitanza. Rocco dice inoltre al fratello, il quale aveva promesso alla moglie che non si sarebbe più occupato dei suoi affari e che avrebbe cambiato vita per il bene dei loro figli, che la famiglia viene prima di tutto e che se la giustizia lo incastrerà allora si aprirà una voragine che inevitabilmente inghiottirà anche lo stesso Giovanni, che all'insaputa di tutti ripulisce i soldi del fratello, rovinando la reputazione che si è costruito.

Presente, Natale.

Riccardo torna all’albergo e indica il punto nel quale ha lasciato Anita, che così viene ritrovata. Anita non rinuncia al proposito di lasciare il programma di protezione, così chiede a Lorenzo di partire insieme. Tuttavia, Claudia finisce in shock anafilattico a causa di alcuni medicinali ai quali è allergica e che Giovanni ha sostituito ai suoi tranquillanti sottraendoli al banco del bar; Marco recupera il cortisone alla baita, Irene si prende cura di lei e Anita, riaccompagnata da Lorenzo, torna in lacrime dalla madre scusandosi per come si è comportata. Giovanni prova forti sensi di colpa, ma poi Marco lo informa che Claudia si è ripresa e sta bene.

Lidia Ercoli, giovane appuntato dei Carabinieri, rimasta l'unica rappresentante delle forze dell'ordine nella valle, controlla le case degli sfollati che per il momento dovranno essere ospitati nell'hotel. Lidia raggiunge l'auto del maresciallo, col quale aveva una relazione, insieme al barista Karim, che scardina una portiera: la giovane donna è disperata nel constatare che l’amato è morto, anche perché ha scoperto di aspettare da lui un figlio solo il giorno prima, poco prima che lui partisse senza aver avuto nemmeno il tempo di dirglielo.

Giovanni si confida con Claudia riguardo all'inadeguatezza che prova per non aver saputo proteggere Elena, ancora in coma ma stabile, come aveva promesso alla moglie, e lei gli assicura che non ha colpe per quanto accaduto; poco dopo Riccardo si siede accanto alla sorella per leggerle il romanzo Moby Dick. Nel frattempo l'anziano Giorgio, che vive in una baita isolata ed è cognato di Max Zanin, proprietario dell'hotel con il quale non è in buoni rapporti, raggiunge i resti di un elicottero russo precipitato che aveva sorvolato la valle il giorno precedente e trova tre piloti, uno dei quali è ferito ma ancora vivo.

Schegge di passato[modifica | modifica wikitesto]

Tre anni prima.

Claudia esce dall'ospedale di San Gennaro a fine turno camminando dietro al camorrista appena dimesso, quando è testimone del suo omicidio per mano di Rocco Lo Bianco, il quale cerca di uccidere anche lei ma scappa quando s'inceppa l’arma.

26 dicembre, due giorni dopo la valanga.

Claudia capisce che qualcuno ha provato a ucciderla causandole lo shock anafilattico e, d'accordo con il proprietario dell'hotel Max Zanin e con l'appuntato Lidia Ercoli, viene messa al sicuro all'interno della struttura sorvegliata con un'arma dall'ex marito. Lidia, non accorgendosi di essere seguita da Giovanni, va al comando dei Carabinieri per cercare un fascicolo riguardante gli affiliati del clan di Lo Bianco, ma non lo trova. Giorgio soccorre il pilota sopravvissuto allo schianto dell'elicottero militare russo e lo porta in albergo.

27 dicembre.

Lidia pensa che il fascicolo possa essere nell'auto del maresciallo, del quale hanno appena recuperato il corpo e celebrato il funerale: chiede quindi a Karim di andare sul posto, ma Giovanni lo anticipa e riesce a spingere l'auto nel dirupo ferendosi a una mano. Lidia si confida con Claudia raccontandole di essere diventata carabiniere per far contento suo padre, e di essere rimasta incinta del maresciallo ma di non sapere cosa fare perché ha scoperto da una fotografia che lui aveva moglie e figli. Guidati da Giorgio, che sa dove è caduto l'elicottero, Marco, Giovanni, Max e Lidia si mettono in cammino per raggiungere il velivolo e provare a utilizzare la radio per lanciare un SOS. Nel frattempo, il pilota russo muore dopo aver farfugliato a Irene una frase nella propria lingua: Konets sveta (Fine del mondo). Claudia racconta a tutti gli ospiti dell'albergo la sua storia perché non vuole più nascondersi, sfidando chi ha tentato di ucciderla.

Di notte qualcuno si introduce nella biblioteca e, dopo aver letto in un dizionario dal russo all'italiano il significato di Konets sveta, getta il libro tra le fiamme del caminetto.

Imprigionati nella valle[modifica | modifica wikitesto]

Sette anni prima.

A Roma, Claudia racconta a Marco della proposta che ha ricevuto di diventare primario di pronto soccorso a Napoli per cinque anni, e lui, nonostante sia entusiasta per il successo sempre maggiore che sta riscuotendo la propria officina, è contento della sua promozione e decide di seguirla.

Cinque anni prima.

Marco confessa alla moglie di essere andato a letto con un'altra a causa della scarsa attenzione che gli riserva poiché troppo impegnata con il lavoro, e lei lo manda via di casa.

28 dicembre, quattro giorni dopo la valanga.

Nel caminetto vengono ritrovati i resti del dizionario russo-italiano. Quando Lorenzo e Anita fanno di nascosto il bagno nella piscina riscaldata, la corrente salta di nuovo a causa di un guasto alla centralina dovuto a un sovraccarico di tensione e quindi cessa di funzionare anche il respiratore di Elena. Giovanni fa a botte nel garage dell’albergo con Ruggero Volturno perché vuole usare la benzina delle auto di Ruggero e di altri per riattivare il generatore per salvare la figlia; Lidia, dopo averli fatti smettere sparando un colpo in aria, confida a Karim di non sentirisi all'altezza della divisa che porta, ma lui riesce a confortarla. Anche Riccardo arriva alle mani con Lorenzo davanti ai clienti dopo aver saputo che lui ha chiesto ad Anita di non far parola con nessuno del fatto che sono stati in piscina, e che questo ha fatto perciò saltare la corrente mettendo a rischio la vita della sorella.

Giovanni salva la vita a Claudia quando le sta per crollare addosso il tetto in legno dell’ambulatorio dove i due stanno recuperando dei medicinali. La dottoressa ha dei tremolìi alle mani dovuti alla sospensione degli ansiolitici e ne discute con l'ex marito. Anita e Lorenzo si scusano con Riccardo per essere stati incoscienti, e lui accetta. Lorenzo se ne va seccato quando Anita gli dice che è ancora vergine, e la ragazza piange davanti al padre al rientro in camera dicendogli di sentirsi continuamente fuori posto come se le mancasse qualcosa. Marco e il maestro di sci Luca chiedono aiuto a Giorgio per scalare l'alta ferrata, ma questo non vuole aiutarli e allora si organizzano con Max. Giovanni ruba i documenti che Max stava tenendo al sicuro, dato che sarebbero potuti essere usati per risalire a lui.

La mattina seguente, prima della partenza, Max viene trovato morto nella sua auto, ucciso da qualcuno che tuttavia non sembra essere Giovanni.

Episodio 5[modifica | modifica wikitesto]

  • Ascolti: telespettatori ? – share ?%.

Episodio 6[modifica | modifica wikitesto]

  • Ascolti: telespettatori ? – share ?%.

Episodio 7[modifica | modifica wikitesto]

  • Ascolti: telespettatori ? – share ?%.

Episodio 8[modifica | modifica wikitesto]

  • Ascolti: telespettatori ? – share ?%.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Black Out – Vite sospese, su RAI Ufficio Stampa, 16 gennaio 2023. URL consultato il 17 gennaio 2023.
  2. ^ a b Mattia Buonocore, Ascolti TV | Lunedì 23 gennaio 2023. Esordio vincente per Black Out (4,14 mln – 21%), GF VIP 19.1% (2,64 mln). Bene Report (1,9 mln – 9.4%), Boss 7.7% (1,4 mln)., su davidemaggio.it, 24 gennaio 2023. URL consultato il 24 gennaio 2023.
  3. ^ a b Mattia Buonocore, Ascolti TV | Martedì 24 gennaio 2023. Black Out vince con il 21.7% (3,96 mln), male Canale 5 (8% – 1,29 mln). Boomerissima cala (6.9% – 1,14 mln), Le Iene 9.2% (1,24 mln), su davidemaggio.it, 25 gennaio 2023. URL consultato il 25 gennaio 2023.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]